torna su
17/07/2019
17/07/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Legittima difesa: spara a ladri, ferito 16enne

Legittima difesa: Appena entrata in vigore la legge è accaduto per un furto in abitazione a Monterotondo. Ragazzo lasciato davanti ospedale.   

Avatar
di Redazione | 2019-04-28 27/04/2019 ore 21:27
(ultimo aggiornamento il 28 Aprile 2019 alle ore 10:41)

cartucce

 

 Un ragazzo di 16 anni ‘scaricato’ in gravi condizioni, con ferite d’arma da fuoco, davanti al pronto soccorso mezz’ora dopo un furto in abitazione, alle porte di Roma, terminato con il proprietario che ha sparato ai ladri.

Per chi indaga non si tratterebbe di una coincidenza ma di due episodi collegati.

L’allarme è scattato venerdì sera quando il 16enne albanese è stato lasciato da una macchina davanti al pronto soccorso del policlinico Gemelli a Roma che è poi ripartita a tutta velocità. Il ragazzo che aveva una ferita d’arma da fuoco all’addome con diverse lesioni è stato operato d’urgenza. Ora è ricoverato in terapia intensiva pediatrica. La prognosi è al momento riservata, ma le condizioni sembrerebbero stabili.

I primi ad intervenire sono stati i poliziotti della squadra mobile di Roma. Poi le indagini sono passate ai carabinieri di Monterotondo, coordinati dalla Procura di Tivoli, che si stavano occupando di un furto in abitazione avvenuto poco prima e probabilmente collegato proprio a quel ferimento.

A dare l’allarme lo stesso proprietario che ha contattato il 112 raccontando di aver sorpreso una banda di ladri in casa e di aver sparato. A quanto ricostruito il proprietario di casa, un 29enne, avrebbe esploso più colpi con una pistola regolarmente detenuta per uso sportivo. Avrebbe raccontato di aver visto i malviventi in soggiorno, entrati nell’abitazione forzando una porta finestra, probabilmente perché pensavano di non trovare nessuno all’interno. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia hanno effettuato a lungo i rilievi per cercare di isolare eventuali tracce ematiche che potrebbero essere comparate con quelle del ragazzo ferito e avere la cosiddetta ‘prova del 9’.

Il 29enne sembra abbia detto di non essersi accorto di aver ferito qualcuno con i colpi di pistola esplosi. L’arma, regolarmente detenuta, è stata posta sotto sequestro. Al momento l’indagine avviata dalla Procura di Tivoli è senza indagati. I pm, coordinati dal procuratore capo Francesco Menditto, stanno raccogliendo grazie al lavoro dei carabinieri tutti gli elementi utili per chiarire la dinamica di quanto avvenuto. Al vaglio di chi indaga la posizione del proprietario della casa che avrebbe esploso i colpi di arma da fuoco in direzione dei ladri. Per il momento non è stata formalizzata alcuna iscrizione nel registro degli indagati. Si attende l’informativa dei carabinieri con gli elementi raccolti sulla vicenda che verrà consegnata probabilmente nelle prossime ore. Chi indaga, una volta ricostruito quanto accaduto, dovrà valutare se chi ha sparato lo ha fatto per legittima difesa o meno. Un tema, quest’ultimo, di grande attualità dopo la promulgazione della nuova legge, con le modifiche al codice penale e in materia di legittima difesa, che prevede maggiori garanzie per i proprietari degli immobili violati dai ladri.

(fonte Ansa)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20604 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014