torna su
12/07/2020
12/07/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Paura all’ospedale S.Giovanni, dottoresse aggredite con bisturi

Simeone (FI), spostare nei pronti soccorso vigilantes Regione

Avatar
di Redazione | 2019-05-21 21/05/2019 ore 19:12

“Ieri sera al Pronto Soccorso dell’ospedale San Giovanni due dottoresse, impegnate a salvare un paziente in crisi respiratoria, sono state aggredite da un uomo e minacciate con un bisturi. Fortunatamente la vicenda ha avuto una conclusione a lieto fine, dal momento che l’uomo dopo aver perso il controllo è stato indotto alla ragione. Non possiamo rimanere immobili dinanzi alle continue aggressioni che vengono consumate nei confronti dei medici e degli altri operatori”. Così il presidente della commissione Sanità del Consiglio regionale del Lazio Giuseppe Simeone (FI) interviene su una vicenda riportata oggi da un quotidiano.

“Vogliamo o no destinare un vigilante per ogni Ps? Mancherebbero le risorse? Allora – prosegue – proporrei di togliere i vigilantes dai nostri uffici della Regione per mandarli direttamente negli ospedali. Perché mi sembra prioritario garantire la sicurezza al personale sanitario piuttosto che ai consiglieri. Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, ha chiesto il ripristino di posti di polizia negli ospedali più a rischio. Questa proposta va nella stessa direzione dell’iniziativa che porto avanti ormai da mesi nell’Osservatorio regionale sulla sicurezza degli operatori sanitari. Il fenomeno delle violenze in corsia è sempre più incalzante e richiede un intervento concreto e immediato. Una soluzione va trovata – conclude – Le istituzioni hanno il dovere di affrontare di petto questo problema”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23230 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014