torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Veleni e polemiche in casa giallorossa

La società smentisce l’inchiesta de ‘La Repubblica’ e parla di “quadro distorto”. Anche se la Roma che un anno fa era a un passo dalla finale di Champions non c’è più

Avatar
di Redazione | 2019-05-31 31/05/2019 ore 10:00

Del nuovo allenatore e del prossimo direttore sportivo ancora non ci sono tracce, in compenso sconfitte, polemiche e veleni fanno ormai parte della quotidianità giallorossa. La Roma che appena un anno fa si era issata a un passo dalla finale di Champions League non c’è più.

Sparita sul campo e a Trigoria, dove chi adesso programma il futuro si trova a dover fare i conti con un recente passato fatto di rivolte, ricatti e trame di spogliatoio secondo quanto rivelato da ‘La Repubblica’.

Nell’inchiesta pubblicata dal giornale si dà conto infatti di come Daniele De Rossi e altri tre senatori della squadra (Dzeko, Manolas e Kolarov) avrebbero fatto pressione per mandare via Francesco Totti, Monchi ed Eusebio Di Francesco poiché scontenti dell’andamento della stagione e di alcune mosse di dirigenti e allenatore.

L’articolo riporta innanzitutto il malcontento di De Rossi – ora in vacanza a Tokyo con la moglie dopo la partita d’addio dello scorso weekend col Parma – per l’acquisto di Nzonzi, che riteneva un suo doppione. L’ex capitano, secondo quanto ricostruito dal quotidiano, si sarebbe arrabbiato al punto da chiedere alla dirigenza attraverso il suo agente la rescissione del contratto e, in un momento di collera, avvisarla con la frase: “Se non risolviamo la cosa, vi faccio arrivare decimi”.

Nell’inchiesta del quotidiano viene poi riportato il contenuto di una email dello scorso dicembre inviata a James Pallotta dal preparatore atletico Ed Lippie (uomo di fiducia del presidente americano) dal quale emerge il malessere della squadra nei confronti di Di Francesco, Monchi e Totti. Le fonti di Lippie sono il fisioterapista Damiano Stefanini, molto legato a De Rossi, e il medico sociale Riccardo Del Vescovo, il più convinto che la Roma debba essere “detottizzata”. Entrambi vengono allontanati dopo l’eliminazione dalla Champions col Porto assieme al tecnico e al ds spagnolo.

Monchi e Del Vescovo hanno preferito un commento laconico. “Adesso lavoro al Siviglia e ho già tanti ‘casini’. Però non capisco la genesi di questa storia, perché io questi giornalisti non so chi siano e non li ho mai incontrati” le parole dell’ex ds, che fanno il paio con quelle del medico: “Io sono sempre a favore della società e delle sue direttive. Non voglio fare commenti, ma sono molto rispettoso di tutto ciò che gira intorno alla società As Roma”.

Società che invece, tramite una nota, ha preso “le distanze dalla ricostruzione” apparsa su Repubblica, specificando di ritenere “che non sia attendibile trasformare in fatti eventuali opinioni espresse da terzi, e riportate a terzi, delineando in questo modo un quadro distorto e totalmente distante dalla realtà”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
21106 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014