torna su
28/09/2020
28/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Riattivato dopo sabotaggio il laboratorio del San Camillo

Ieri la visita del presidente Zingaretti e dell’assessore D’Amato

Avatar
di Redazione | 2020-04-9 9/04/2020 ore 9:30

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato in visita all'ospedale San Camillo di Roma.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti accompagnato dall’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato e dal direttore generale dell’azienda ospedaliera San Camillo, Fabrizio D’Alba, ha visitato l’ospedale romano e in particolare il laboratorio per le analisi dei test Covid-19 che è stato oggetto di un sabotaggio proprio alla vigilia della sua attivazione. Oggi il laboratorio è a pieno regime.

“Una visita per ringraziare tutti gli operatori che in questi giorni stanno lavorando al massimo per contrastare la diffusione del virus – commenta Zingaretti al termine della visita -. Ho potuto verificare personalmente la riattivazione del laboratorio dei test che aveva subito un sabotaggio, un’azione ancor più vigliacca in un momento di emergenza come quello che stiamo attraversando. Sul sabotaggio le indagini proseguono e ci auguriamo che presto siano individuati i responsabili”.

L’assessore D’Amato tiene a sottolineare che “la rete dell’assistenza anche durante l’emergenza Covid non si è mai fermata. Nell’ultimo mese infatti l’ospedale San Camillo ha portato a termine 14 trapianti, un numero eccezionale che dimostra quanto l’attività assistenziale sia sempre stata garantita grazie allo straordinario impegno dei medici, infermieri e tutti i professionisti che voglio ringraziare”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23753 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014