torna su
26/05/2020
26/05/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Confiscato al clan Spada patrimonio da 18 milioni

Tra i beni confiscati c’è anche l’associazione “Femus Boxe”, che gestiva la palestra di Ostia dove, nel 2017, Roberto Spada aggredì una troupe della Rai

Avatar
di Redazione | 2020-04-22 22/04/2020 ore 9:45

Confiscato ai boss del clan Spada patrimonio da 18 milioni

Un patrimonio da 18 milioni di euro è stato confiscato dalla guardai di finanza di Roma al clan mafioso degli Spada di Ostia. I beni che oggi passano di proprietà allo Stato, sono quelli sequestrati nell’ottobre del 2018 e sono principalmente beni mobiliare e immobiliare riconducibile al sodalizio criminale operante nel litorale romano. Gli specialisti del Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Capitale hanno ricostruito le ricchezze illecitamente accumulate dagli esponenti di spicco del clan, tra i quali il capo Carmine Spada alias Romoletto, Ottavio Spada, Armando Spada, Roberto Spada e Claudio Galatioto. Quello odierno è il prosieguo delle operazioni di polizia note con il nome di Eclissi e Sub Urbe, che hanno consentito di dimostrare come, nonostante gli indagati, oggi sotto processo per associazione mafiose dedita all’estorsione, all’usura e al traffico di droga, dichiarassero redditi modesti, investivano ingenti somme in attività commerciali e finanziarie.

Inutili i tentativi di intestare le imprese a “prestanome”, apparentemente estranei al contesto criminale: gli accertamenti hanno infatti riguardato tutte le persone (circa 50 tra familiari e terzi) coinvolte nelle compravendite di quote societarie, effettuate fittiziamente al solo scopo di “schermare” la titolarità effettiva delle aziende. Un patrimonio illecitamente acquisito in grado, secondo gli inquirenti, di inquinare l’economia locale.

 

 

Nello specifico, si tratta del patrimonio aziendale – in tutto o in parte – di 19 società, 2 ditte individuali e 6 associazioni sportive/culturali site nel comune di Roma (per lo più ad Ostia) e operanti in svariati settori: la gestione di forni, bar, sale slot, distributori di carburanti, palestre, scuole di danza, nonché il commercio di autovetture e l’edilizia.

Tra le attività confiscate, c’è anche l’associazione “Femus Boxe” che gestiva la palestra di Ostia dove, nel novembre del 2017, Roberto Spada aggredì, venendo poi condannato per lesioni aggravate dal cosiddetto “metodo mafioso”, una troupe della Rai. Gli ulteriori beni confiscati sono costituiti da 2 immobili di Ostia e Ardea, 13 automezzi e disponibilità finanziarie su rapporti bancari e postali.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
22888 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014