torna su
18/09/2020
18/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Avvocati in piazza, a Roma un “funerale” laico

La protesta corre anche via social, con una video-denuncia

Avatar
di Redazione | 2020-06-23 23/06/2020 ore 16:30

Avvocati in piazza, da Bari a Roma, e nelle piazze virtuali, per la effettiva ripartenza della Giustizia. Il ministro Alfonso Bonafede nei giorni scorsi ha annunciato per il primo luglio la ripresa regolare dei processi, ma i legali chiedono garanzie. L’ordine degli avvocati della Capitale ha inscenato un “funerale” laico della giustizia, davanti alla sede della Cassazione, in segno di protesta contro “i ritardi che stanno caratterizzando la fase di ripresa delle attivita’”. Alcune decine gli avvocati presenti – un numero concordato con la prefettura per garantire il distanziamento, spiegano – con le bandiere italiane e anche con un bara. “E’ morta la tutela dei diritti e delle liberta’ di milioni di cittadini”, hanno scritto sull’annuncio funebre esibito. L’avvocatura romana ritiene “inaccettabile” che tanti settori, da quelli produttivi allo sport siano ripartiti, mentre la Giustizia e’ “drammaticamente ancora ferma al palo”.

A Milano, in una conferenza stampa il presidente dell’Ordine degli avvocati Vinicio Nardo ha chiesto “innovazioni tecnologiche e cambiamenti strutturali”, in modo che la giustizia possa “essere pronta alla possibile ricaduta in autunno.

Il periodo di chiusura ci ha insegnato cosa occorre cambiare”.

E l’ordine di Brescia, in una lettera al ministero della Giustizia, chiede un protocollo unico, tenendo pero’ “conto dei territori maggiormente provati dal Covid come la Lombardia”. Circa 300 avvocati pugliesi sono scesi in piazza anche a Bari per un “piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici giudiziari” e “una norma di legge, anche con decretazione d’urgenza, che consenta lo svolgimento di tutte le attivita’ giudiziarie anche nei prossimi mesi di emergenza”. Negli oltre tre mesi di lockdown l’avvocatura distrettuale stima che siano stati rinviati circa l’80% dei processi civili e penali. C’e’ poi chi ha scelto la strada della campagna social: gli avvocati dell’associazione Liberta’ e Dignita’ Forense hanno realizzato un video con i toni della commedia per denunciare che “a oltre un mese dalla fine del lockdown si celebrano solo il 20% dei processi. Tanti proclami ma la giustizia di fatto e’ ancora paralizzata”.

“Non ti posso difendere”, lo slogan scelto, che e’ anche la risposta dei legali, che nel video si sono improvvisati attori, ai possibili clienti, “perche’ gli uffici giudiziari sono praticamente paralizzati”. “Cerchiamo di sensibilizzare la cittadinanza e il ministro Bonafede – spiega l’avvocato Onorio Laurenti – per un intervento effettivo. Veniamo da un sistema che e’ gia’ in difficolta’, e ora e’ tutto ancora piu’ rallentantato. Se prima un giudice teneva due udienze a settimana, trattando 25 cause alla volta, ora si fa udienza un giorno, con una causa ogni ora. Le cancellerie sono fisicamente sono chiuse e il processo telematico non e’ ancora sufficiente”. “Il primo luglio non riapriranno i tribunali”, sostengono gli avvocati: “Perche’ si vuol fermare la giustizia, mentre e’ ripartito tutto?”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23684 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014