torna su
28/09/2020
28/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Per colpa del Covid-19 nel Lazio 780 mila turisti in meno

A Roma qualche turista si ricomincia ad affacciare, ma si tratta soprattutto di italiani ed europei. Impossibile arrivare per cittadini Usa, cinesi e indiani

Avatar
di Alg | 2020-07-18 18/07/2020 ore 11:00

I tassisti fermi agli stalli della stazione Termini di Roma.

Il Lazio sta accusando non poco il calo del turismo. Rispetto al 2019 il saldo è negativo per 780 mila arrivi. La Lombardia si attesta 800mila turisti in meno. Non va meglio alle Marche (660mila) all’Emilia Romagna (640mila turisti).

Più in generale nel  2020 calano di oltre il 40% gli italiani che partiranno per le vacanze rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un italiano su due non andrà in vacanza. Dei 24 milioni di persone che si muoveranno, l’86% rimarrà in Italia e solo il 4,8% andrà all’estero, contro il 26% del 2019. È quanto mostra l’indagine sull’impatto dell’emergenza Covid realizzata da Isnart1 – Unioncamere su un campione rappresentativo di italiani intervistati nelle scorse settimane.

Tra coloro che tra luglio e settembre si recheranno in villeggiatura, il 76,5% soggiornerà presso una località di mare.

A Roma, il turismo sta tentando timidamente di ripartire, ma la cosa riguarda principalmente gli hotel a tre stelle, meno i quattro e i cinque stelle. A Roma cominciamo ad arrivare dal resto d’Europa e dall’Italia, ma di statunitensi, indiani e cinesi non c’è traccia. Accusano la crisi anche i beb and breakfast e le case vacanze. 

I dati comunque sono tragici. La città, con l’emergenza coronavirus e nonostante le parziali riaperture dei confini, è passata da circa 300mila turisti al giorno ad appena un migliaio. Un calo del 99,7%. Un’estate mai così difficile per la Capitale, sebbene  Cna – Confederazione Nazionale dell’Artigianato abbia rilevato una timida ripresa, con incassi cresciuti nelle ultime settimane del 10% circa, cifre ancora insufficienti.

Una settimana fa risultavano aperti solo 200 su 1.200. Ad oggi, un altro centinaio ha cominciato a muoversi per la riapertura. Il bonus vacanze è partito, ma gli hotel che lo accetterebbero sono non più del 15%. Insomma, da quello che sembra la stagione turistica potrà ripartire davvero il prossimo anno, ma solo vaccino anti Covid-19 permettendo

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
1022 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014