torna su
21/09/2020
21/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Scuola: a Roma e provincia mancano mille prof per medie e licei

La Uil scuola lancia un allarme. Penalizzate matematica , italiano, greco e storia.

Avatar
di Redazione | 2020-08-17 17/08/2020 ore 14:00

 

la Uil Scuola Lazio traccia uno scenario allarmante: a settembre con l’avvio del nuovo anno scandito dall’emergenza Coronavirus mancheranno circa mille insegnanti, soprattutto nelle scuole medie e nei licei. In alcuni casi – riporta la scorsa settimana il ‘’Messaggero’’ – si tratta di materie fondamentali nel percorso didattico mentre altre rappresentano gli insegnamenti principali di alcuni indirizzi. A pagare il prezzo maggiore saranno le scuole medie.

Nella provincia di Roma, Capitale compresa, per oltre 1.200 strutture si contano in prospettiva 763 cattedre disponibili che non potranno essere coperte da insegnanti di ruolo perché le graduatorie sono esaurite. Di queste, 340 riguardano la classe di concorso “A022” ovvero Italiano e Storia. Segue poi la classe di concorso “A028” per Matematica che conta 423 cattedre scoperte. Non finisce qui perché a pagare un “prezzo” saranno anche gli istituti superiori.

Sempre secondo le stime della Uil Scuola e sempre con riferimento a Roma e provincia dove si contano 340 istituti superiori (220 sono nella Capitale) in vista di settembre ci sarà un problema di docenti per quattro materie: Latino, Greco, Italiano e Storia. Entrando nel dettaglio, mancheranno 14 docenti di ruolo per la classe di insegnamento “A010” ovvero Latino e Greco, 96 per la “A011” (Lettere e Latino) e, infine, 114 per la classe “A012” nella quale si abilitano gli insegnanti di Italiano e Sto na.

«Di tutte le nomine decretate per ¡I territorio regionale che sono 7.524 – spiega a ‘’Il Messaggero’’ Saverio Pantuso, segretario generale della Uil Scuola Lazio – si faranno circa 3.842 assegnazioni di ruolo pari al 37% in meno complessivamente in quanto non ci sono aspiranti nelle graduatorie».

Situazione che va a sommarsi a un anno per il quale «non occorre ricordare la particolarità: dalla mancanza degli spazi (3/4.000 aule nel Lazio) all’inevitabile ricorso alla didattica a distanza nelle scuole secondarie superiori della Regione», conclude Pantuso.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23707 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014