Categorie: News da Roma

Lottomatica Roma, dipendenti infedeli incassavano lotterie milionarie

Indagato in chat, stappiamo champagne?

Dipendenti ed ex dipendenti della societa’ concessionaria dei giochi per conto dello Stato sono riusciti ad “intercettare” e incassare, tra il 2015 e il 2019, quattro biglietti della lotteria istantanea “Gratta e Vinci” per un valore complessivo di 27 milioni di euro. Oggi i finanzieri del Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, su delega della Procura della Repubblica di Roma, hanno dato esecuzione ad una serie di sequestri nei confronti di 12 persone indagate, a vario titolo, per truffa aggravata, accesso abusivo ai sistemi informatici, ricettazione e autoriciclaggio di capitali illeciti.

Alle indagini ha fornito collaborazione la stessa Lottomatica. In particolare i dipendenti “infedeli” hanno intercettato due biglietti “Super Cash” dal valore di 7 milioni di euro cadauno, con una probabilita’ di vittoria stimata in 1 su 15.840.000 biglietti. Inoltre gli indagati hanno incassato il primo premio di due tagliandi del primo premio “Maxi Miliardario” (5 milioni di euro cadauno, con una probabilita’ di vittoria stimata in 1 su 9.360.000 biglietti).

I dipendenti coinvolti sono stati individuati dagli accessi al sistema informatico per acquisire informazioni riservate sia in merito all’individuazione dei biglietti vincenti di importo apicale, sia alla loro localizzazione presso i rivenditori (data e luogo di consegna), successivamente comprati e incassati da alcuni degli indagati. In tal modo, nel 2015, sono stati acquistati due biglietti vincenti da 5 milioni di euro presso un rivenditore di Milano e uno in provincia di Brescia, mentre gli ulteriori due biglietti da 7 milioni di euro sono stati comprati nel 2017 a Foggia e nel 2019 a Cremona, ossia, tutte localita’ distanti dal domicilio degli indagati. Successivamente, al fine di indurre in errore il gestore del servizio e in violazione del codice deontologico interno (che vieta ai dipendenti di partecipare ai giochi e alle lotterie in concessione) i dipendenti “infedeli” per presentare e incassare i biglietti vincenti, trattandosi di titoli al portatore, si sono avvalsi di conoscenti o stretti familiari e, in un caso, di un professionista.

I formali vincitori hanno trattenuto per se’ una quota delle vincite e hanno successivamente trasferito gli importi restanti su conti correnti dei dipendenti infedeli e di persone a loro vicino.

“Dopo che fai? Stappi lo champagne?”. E’ quanto scrive in una chat, citata nel decreto di sequestro, uno degli indagati . Gli indagati, in base a quanto emerge dal decreto di sequestro, avevano fretta “di far scomparire le consistenti somme di denaro provento dei delitti di truffa aggravata” dopo aver preso atto di indagini del Nucleo Valutario della Guardia di Finanza.

Stampa
Condividi
Pubblicato da Redazione

Articoli recenti

Roma, Ama: 40mila domande per selezione 100 operatori ecologici

Operai generici part time addetti allo spazzamento

11 ore fa

Covid: Nel Lazio record guariti, 1524. Casi sotto quota 2mila

Calano anche i decessi, rapporto tamponi/casi è all'8%

13 ore fa

San Giacomo: Raggi riscopre l’Ospedale abbandonato

La sindaca interviene a una manifestazione e sfida la Regione. Ma c’è chi obietta l’opportunità di una struttura ospedaliera nel…

13 ore fa

Roma/Recovery: La Regione progetta un Politecnico

Con un miliardo dal recovery fund prevista una istituzione di alta formazione sul modello di quelle esistenti a Milano e…

17 ore fa

2020: l’influenza che non c’è

Siamo quasi a fine novembre e quest'anno non si hanno notizie dell'usuale influenza. Forse il "virus è clinicamente morto"?

18 ore fa

D’Amato contro il Campidoglio: errore autorizzare apertura Maximo

Presto test salivari, in regione rischio da "alto" a "moderato"

2 giorni fa

Nubifragio Nuorese, 3 morti e 2 dispersi a Bitti

Le vittime sarebbero una coppia di anziani sorpresa dall'alluvione

2 giorni fa

A Natale torna Spelacchio a piazza Venezia

Videoproiezioni illumineranno piazza Navona

2 giorni fa

Covid: Iss, curva in calo ma no aggregazioni Natale

Porte chiuse anche alle settimane bianche

2 giorni fa

Questo sito utilizza cookie.