torna su
15/04/2021
15/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Covid: allarme S.Egidio, decessi anziani anche per isolamento

Urgenti linee guida per visite, ripensare assistenza domiciliare

Avatar
di Redazione | 2020-11-6 6/11/2020 ore 16:00

– La Comunita’ di Sant’Egidio si dice “fortemente preoccupata” per la situazione degli anziani soli nel nostro Paese, una situazione “gravemente deteriorata” a causa del Covid. “Troppo poco e’ stato fatto da marzo e dobbiamo constatare anche decessi di anziani per l’abbandono e la patologia dell’isolamento”, ha denunciato il presidente Marco Impagliazzo in una conferenza stampa. La Comunita’ di Sant’Egidio, oltre a prospettare soluzioni come i progetti di co-housing, chiede con urgenza linee guida chiare “come fatto per le scuole” per le visite agli anziani e un ripensamento dell’assistenza domiciliare integrata con un incremento dei bandi dedicati. I dati della prima ondata del resto, ha ricordato Impagliazzo, parlano di un 50% di decessi avvenuti tra anziani delle Rsa o altre strutture di cura. “Ora – ha spiegato – siamo preoccupati per quello che sta avvenendo in questa seconda ondata. Ci sono Rsa chiuse dal mese di marzo, chiuse alle visite dei parenti e dei volontari. E’ stato fatto troppo poco, anzi quasi nulla per adeguarsi all’ esigenza degli anziani di non essere soli. Nella solitudine si muore, noi chiediamo con forza che nonostante questo secondo lockdown, si apprestino in tutte le strutture Rsa o case di cura quei sistemi in protezione che consentano loro di essere visitati anche perche’ il sistema delle videochiamate non funziona”.

Secondo Impagliazzo, “dobbiamo entrare in un sistema di nuove reti familiari per un mondo di anziani che vive solo come dimostrano i dati europei. Noi abbiamo alcune proposte: intanto allargare l’assistenza domiciliare integrata che rappresenta in Italia appena 16 ore all’anno per anziano bisognoso. E’ uno squilibrio impressionante: fingiamo di avere un’assistenza territoriale ma la vera assistenza oggi le fanno le badanti, ne abbiamo quasi un milione”

. Per questo Impagliazzo chiede anche una accelerata al processo di regolarizzazione avviato dal governo affinche’ avvenga “con una semplificazione degli strumenti perche’ con il prosieguo della pandemia molti uffici sono chiusi”. Cosi’ come si deve semplificare l’idoneita’ alloggiativa: “non e’ pensabile che in questo momento la Asl la vada a verificare. Viviamo in un mondo di autocertificazione, gli diamo un valore legale, ebbene passiamo allora alla autocertificazione anche per l’idoneita’ alloggiativa”. Ancora, per Sant’Egidio, c’e’ da implementare l’assistenza domiciliare integrata anche con incremento dei bandi e terzo, il co-housing attraverso il privato sociale: “C’e’ un’autodeterminazione degli anziani – sottolinea Impagliazzo – che va garantita. Ci sono esempi postivi di co-housing in Trentino, oppure noi stessi li abbiamo fatti, e ancora c’e’ il sistema degli alloggi protetti”. Infine, afferma Impagliazzo, “ci tocca anche fare una denuncia: noi abbiamo censito molti piu’ posti letto di quelli accreditati dalle regioni, ci sono istituzioni non accreditate a livello regionale che non hanno una protezione sanitaria, attorno ad anziani ruota un mondo del sommerso che va eliminato, noi vogliamo essere voce di tutti quegli anziani i cui diritti in questo momento sono negati”. I dati di marzo ci dicono che “qualcosa dobbiamo fare per superare la patologia dell’isolamento. Ripensiamo il sistema di vicinanza e cura che dobbiamo ai nostri anziani: c’e’ stata anche una polemica attorno a certe dichiarazioni fatte dalla politica su anziani utili o meno: io vorrei dire che stare accanto agli anziani e’ un grande vantaggio per far si’ che il nostro Paese sia un Paese in cui la forza dei rapporti vinca, stare vicino a una persona nel tempo della fragilita’ e della debolezza e’ un grande insegnamento che ci aiuta a essere piu’ umani, occuparsene e’ un salto di umanita’, per cui il valore aggiunto degli anziani non e’ solo se hanno prodotto o no, ma e’ per quello che danno a chi incontra una persona fragile e indebolita”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25299 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014