torna su
20/04/2021
20/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Smog fuori controllo a Roma, l’allarme dell’Arpa

Via Tiburtina è tra le più esposte all’inquinamento da autovetture, ma supera i limiti anche la zona immersa nel verde di Villa Ada

Avatar
di Redazione | 2021-02-26 26/02/2021 ore 16:30

Nella Capitale smog fuori controllo: per il quinto giorno consecutivo, si sono, infatti, registrati superamenti dei valori massimi consentiti da Pm10 e per il secondo giorno di fila tutte le centraline hanno superato i limiti.

Anche il 25 febbraio, infatti, tutte le centraline Arpa Lazio di monitoraggio della qualità dell’aria di Roma hanno dato risultati pessimi con superamento dei limiti consentiti del Pm10 in ogni monitoraggio. Il limite di 50 ug/m3 (microgrammi per metro cubo di aria), è stato superato tra 21 e 23 febbraio già nelle centraline di Preneste, Fermi, Tiburtina, Malagrotta, i dati prodotti da Arpa hanno mostrato poi un aumento dell’inquinamento con il superamento dei limiti di ieri tutte le centraline romane del 24 febbraio e, ancora il nuovo superamento di tutte le centraline anche il 25 febbraio.

Continua a emergere il valore massimo di pm10 alla centralina di Via Tiburtina, quella tra le più esposte all’inquinamento da autovetture, ma supera i limiti anche quella immersa nel verde di Villa Ada, a dimostrazione che tutta la città è nella tenaglia dello smog.

“Nella Capitale da cinque giorni tutti respiriamo smog oltre i limiti, come stiamo raccontando e come emerge chiaramente dai dati di Arpa – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – ma dal Campidoglio arrivano solo risposte inutili come i blocchi ridicoli predisposti contro le poche auto fermate. Il picco di polveri sottili, chiaramente causato dall’enorme numero di auto private in circolazione in ogni angolo della citta’, ha ormai saturato tutta la capitale, basti pensare ai valori delle PM10 anche nei parchi oltre che nelle centraline su strade a scorrimento. In questo drammatico periodo, bisognava potenziare il TPL garantendo il distanziamento a bordo dei convogli e delle vetture, dando cosi’ la possibilita’ di lasciare a casa le auto; invece abbiamo assistito e continuiamo ad assistere alla diminuzione del servizio Tpl, ancora oggi ci sono stazioni di metro chiuse, tram sospesi, chilometri inutilizzati di binari, per non parlare dell’ultima marcia indietro anche sulla realizzazione di ciclabili”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25323 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014