torna su
29/09/2020
29/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Camere: non si parte al buio. Si pensa a mandato esplorativo

La presidenza della Camera al M5S e il Senato a Fi. Soddisfatto il primo partito e il centrodestra, coalizione prima forza in Parlamento. Difficile che l’accordo si estenda al governo.

Beppe Leone
di Beppe Leone | 2018-03-22 22/03/2018 ore 21:37

Oggi, venerdi’ 23 marzo, inizia ufficialmente la XVIII Legislatura con l’insediamento delle nuove Camere scaturite dal voto del 4 marzo. Primo adempimento di Camera e Senato sara’ quello dell’elezione dei rispettivi presidenti. Fino a ieri sembrava un vero e proprio terno al lotto, invece, alla luce dell’accordo raggiunto nel corso del vertice del centrodestra, i giochi sembrano fatti e sembrano esclusi tempi lunghi soprattutto per l’elezione del presidente dell’assemblea di Montecitorio.

Dunque, in base all’intesa raggiunta da Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni a Palazzo Graziosi, ad un rappresentante del centrodestra – e specificatamente ad un senatore di Fi (Paolo Romani?) – andra’ la presidenza di Palazzo Madama, mentre quella di Montecitorio e’ destinata al M5S (Roberto Fico?). In questo modo si garantirebbero i ruoli del centrodestra (come coalizione prima forza in Parlamento) e del Movimento pentastellato (primo partito scaturito dalle urne).

I due probabili presidenti, oltre che venire incontro alle richieste del centrodestra e dei grillini, dovrebbe soddisfare anche il Pd che si e’ tirato fuori dalla corsa per le presidenze ma ha chiesto che queste andassero a figure di garanzia istituzionale (Paolo Romani e’ il capogruppo uscente di Fi, mentre Roberto Fico e’ stato presidente della Commissione di Vigilanza Rai).
L’intesa prevede anche la suddivisione delle vicepresidenze: le quattro del Senato andranno a M5S, Lega, Fratelli d’Italia e Pd; le quattro della Camera a Lega, Fi, FdI e Pd.

Se l’accordo raggiunto reggera’ la prova dell’aula – le votazioni avvengono a scrutinio segreto e la storia parlamentare e’ piena di agguati e di sovvertimento delle intese raggiunte – dovremmo avere in tempi rapidi i due presidenti e, quindi, un’accelerazione per le consultazioni che il capo dello Stato, Sergio Mattarella, avviera’ al Quirinale una volta costituiti i gruppi parlamentari ed eletti i rispettivi capigruppo.

Ciò non significa, pero’, che avremo presto un nuovo governo. Sia Luigi Di Maio, in qualita’ di candidato premier del primo partito italiano (come detto il M5S), sia Matteo Salvini (come leader del centrodestra) pensano che il presidente della Repubblica debba affidare alla propria persona l’incarico di formare l’esecutivo. Difficile che cio’ avvenga in prima battuta, a meno che l’accordo sulle presidenze si allarghi a Palazzo Chigi. Al momento, cio’ non sembra possibile. Quindi avremo molto probabilmente un incarico esplorativo per assodare se nel nuovo Parlamento esista o meno una maggioranza e – in particolare – se questa eventuale maggioranza sara’ in grado di rispettare gli accordi europei.

Comunque, aspettiamoci sorprese. I protagonisti di questa nuova avventura parlamentare, gia’ dalle prime mosse, hanno dimostrato che cio’ che sembrava impossibile diventa possibile.

Stampa

A proposito dell'autore

Beppe Leone
142 articoli

Beppe Leone è giornalista professionista dal gennaio del 1977. Laureato in Scienze Politiche presso l'Università "la Sapienza di Roma", è stato capoufficio stampa della Camera dei Deputati dal giugno del 2008 al 31 dicembre del 2013. In precedenza è stato caporedattore centrale e a capo del Servizio politico dell'Agenzia giornalistica Asca.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014