torna su
19/09/2020
19/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Alberto Sasso, dalla green economy ad Eur spa. Passando per lo stadio

Ritratto dell’architetto torinese chiamato dal Movimento Cinque Stelle al vertice di Eur spa, al posto di Roberto Diacetti

Gianluca Zapponini
di Gianluca Zapponini | 2018-10-18 18/10/2018 ore 10:00

Chi è Alberto Sasso, l’architetto torinese che ha preso il posto di Roberto Diacetti al vertice di Eur spa, la società 90% Tesoro e 10% Campidoglio che gestisce l’intero patrimonio immobiliare del quartiere voluto da Mussolini?  Una new entry dirà qualcuno. Invece no. 46 anni, nato a Torino, vive e lavora a Torino, architetto e libero professionista, impegnato dal 1998 in campo ambientale e dal 2000 nella progettazione di architetture ad altissima efficienza energetica, riqualificazione energetica dell’esistente ad energia quasi zero, urbanistica sostenibile e progetti partecipati con la popolazione per il recupero urbano e la rigenerazione dei borghi alpini.

Attivo nella ricerca privata per nuove tecnologie efficienti in campo costruttivo e per una nuova visione del vivere, abitare e lavorare in modo sostenibile, Sasso predilige anche la divulgazione ed informazione libera sui temi ambientali ed energetici  di autosufficienza. Non è tutto. L’architetto successore di Diacetti è da tempo operativo con Beppe Grillo ed il movimento a supporto della visione ambientale ed energetica degli edifici dal 2008 e nella mediazione e facilitazione per il Comune di Roma dello stadio della Roma e della riduzione volumetrica del business park di Tor di Valle.

Il professionista ha infatti condotto in prima persona la trattativa per lo Stadio, rimodulando il progetto originariamente licenziato dalla Giunta Marino, rendendolo urbanisticamente e ambientalmente meno impattante, più congeniale alla linea di pensiero del Movimento Cinque Stelle e gradito anche alla dirigenza della Roma. Nel febbraio del 2017 dichiarava: “è stato Beppe Grillo a chiamarmi. Mi ha chiesto di analizzare il progetto di realizzazione del nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. La Giunta Raggi aveva ereditato il progetto dalle Giunte precedenti in una fase già molta avanzata. Non trovandosi un accordo sulla costruzione, il rischio era quello di mettere a repentaglio l’intero progetto, originando così un contenzioso legale con la Roma Calcio che avrebbe prodotto effetti devastati non solo per la città, ma anche per l’amministrazione comunale.Mi è stato chiesto di ridurre la volumetria dell’intero progetto”.

Ancora. Dell’architetto Sasso, che alle ultime elezioni è stato il candidato 5 Stelle – sconfitto da Stefano Lepri – nel collegio di Mirafiori, si racconta anche della sua passione per la montagna.  Ha infatti lavorato in Austria e in Trentino Alto Adige e i monti possono essere secondo Sasso un laboratorio in cui mettere in pratica per esempio le politiche verdi. In tal proposito, nel lontano 2011 chiariva in merito alla necessità di una politica energetica il più green possibile. “Si dovrebbe creare un piano energetico nazionale rivolto alla comprensione della condizione di partenza, ovvero un catasto energetico. Si dovrebbe quindi puntare sulla eliminazione delle inefficienze, sulla riqualificazione energetica del patrimonio edilizio ed impiantistico esistente (anche idrico), ed investire nella ricerca riferita a innovazioni ed integrazioni edilizie. Questi interventi, che andrebbero assolutamente monitorati, incrementerebbero anche il know how delle amministrazioni per futuri sviluppi sia edilizi che di gestione del territorio. Una politica volta solamente a questo primo passo nell’arco di 10 anni potrebbe arrivare a cifre record sia di riduzione di consumi ed emissioni, ma soprattutto ad un indotto economico basato sull’efficienza che fungerebbe da volano nei sistemi della new economy”.

Stampa

A proposito dell'autore

Giornalista professionista, mi occupo dei principali temi economico-finanziari. Comincio nel 2010 a MF-Milano Finanza per poi passare nel 2014 all'agenzia di stampa finanziaria MF-DowJones. Nel 2015 sono a Formiche.net dove mi occupo di banche e politica economica mentre nel 2016 approdo a Radiocolonna.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014