torna su
14/04/2021
14/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Le cravatte, i papillon, le pochette di Damiano Presta

Il nuovo negozio per uomini eleganti e alla moda

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 9/02/2015 ore 16:11
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:36)

Dice O. Wilde “una cravatta ben annodata è il primo passo serio nella vita” e Damiano Presta ha seguito il consiglio e aperto il suo nuovo negozio proprio in Galleria Alberto Sordi. Lo spazio è dedicato all’accessorio più  tipico dell’abbigliamento maschile: la cravatta. In una Città grande come Roma ci sono tantissimi luoghi dove trovare vari “nastri”. Questo marchio, tutto italiano, ha però ha scelto di offrire solamente alta qualità. Sete da Como e lavorazione completamente a mano. Per tanti anni Presta ha prodotto per le case più al top del mondo. Così tanto lusso ha visto passare fra le sue mani che alla fine ha deciso di vendere con il suo nome. Le sue cravatte hanno il pregio di valere per se stesse e non tanto per l’etichetta che le “distingue”. Carattere particolare sono le pieghe. Le 7 sono il massimo, poi le 5 e le 3. Molti clienti, soprattutto stranieri, si stupiscono di questa raffinatezza. E girano e rigirano pala e codino (le 2 parti della cravatta) per meglio capire. La larghezza? Mai più di 9 e non meno di 7. E quanti sono i modi dei nodi? Tempo fa si diceva 8, l’ultima cifra fa spavento 177.147! Nel 1999 la prestigiosa rivista Nature li ha fissati in 85. E a Nature bisogna credere! Poi ci sono i papillon o farfallini e si sa che il vero elegantone non lo comprerebbe mai già preparato. Dopo anni nel dimenticatoio, oggi, i giovani stanno riscoprendo questo accessorio. Anche il regimental è in ribasso come le tinte unite. Ora il trend sono i microdisegni su fondo (preferibilmente) blu. Da sempre fedele a questa moda e da poco cliente illustre è il cavalier Berlusconi che sceglie per sè e gli amici le cravatte di Presta. Dai cassetti escono le varie edizioni limitate. E i pezzi unici. Quello più raro (e costoso) è formato da 2 cravatte, una per l’interno ed una per l’esterno. Dai piccoli “tagli” fa capolino la fantasia sottostante da abbinare, naturalmente, alla pochette. I punti di cucitura sul retro sono dei bellissimi Svarowsky e il passantino indica l’esclusività. Per l’unità d’Italia, il signor Damiano ci racconta di aver mandato a tutti gli organi politici, una serie dedicata. Ma, tranne l’ex Presidente Napolitano nessuno e, ribadisce nessuno, l’ha ringraziato (sigh!). La scelta della cravatta da indossare è legata all’umore, a come “butta” la giornata e all’immagine che si vuol dare di sè. Niente è più sciatto di un brutto accessorio, mal tenuto, infilato per forza e brutalmente assortito. E poi dietro a questa “stringa” c’è tanta storia, tanta forza e tanti significati reconditi! (anna ricca)

 

Damiano Presta – galleria Alberto Sordi

C.so del Rinascimento 30       info@damianopresta.com

damianopresta.com

 

foto:anna ricca

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25282 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014