torna su
21/09/2020
21/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Open Art Market. Al Teatro di Domiziano fino al 3 Gennaio

Acquistare pezzi d'autore diventa accessibile a tutti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 20/12/2015 ore 14:40
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:07)

è un’esposizione-mercato in cui l’opera e l’artista, rispettivamente prodotto e produttore d’arte, escono dalla logica dell’eccezionalità e del collezionismo d’élite, per diventare un mezzo di comunicazione sociale ed estetico a costi accessibile a tutti. Si proporranno, infatti, opere d’arte (pittura, scultura, installazione, fotografia, arte digitale, design) in una fascia di prezzo che va da 49 a 999 euro.

Dare all’arte la capacità di aprire nuovi spazi di dialogo e far sì che l’arte contemporanea sia sempre meno un discorso per pochi, con meno timore reverenziale e più voglia di partecipazione: è questa è la mission di OpenARTmarket. Di fronte alla prospettiva di cambiamenti in cui si intrecciano nuove forme di committenza e un collezionismo in grado di esercitare la sua influenza sul sistema dell’arte a livello globale, diventa ancora più importante e più stimolante per gli artisti riuscire a raggiungere nuovi spettatori.

Nell’ambito della manifestazione  openARTmarket sarà ospitato lo special guest Oscillazioni | DiVino/Profano a cura di Jada . 

Oscillazioni vuole esprimere la tensione continua dell’essere umano tra l’elevazione di se stesso e il puro utilizzo del reale come fine catartico.

Il rapporto uomo/vino può essere letto alla luce di tale dualità: vino non solo come bevanda inebriante ma anche come bevanda mistica, considerata elemento di culto nella tradizione Pagana con Dioniso/Bacco e in quella Cristiana con il rito dell’Ultima. Questa oscillazione dell’animo umano si materializza anche nell’ arte.

Artisti che cercano, attraverso le loro opere, di raggiungere una elevazione del mondo esteriore ed interiore esaltandone la bellezza e la spiritualità facendogli perdere delle precise caratteristiche di appartenenza. Questo se pur verso il divino è comunque una deformazione.  L’ arte che  gioca con i difetti della realtà utilizzando una pennellata grottesca che danza sulla tela e si immerge profondamente nel profano altera anch’essa la verità ma per esaltarne l’aspetto più umano.

Si avvera così una oscillazione perpetua nell’arte, come nel vino, fra divino e profano.

di Domiziano, via di tor Sanguigna 3

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23696 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014