torna su
23/10/2020
23/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

NOCCIOLE: NUTELLA e oltre per le campagne di Roma e Viterbo

Agricoltura:la qualità delle nocciole italiane sfida il mondo e vince

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 29/09/2016 ore 13:23
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:37)

La campagna tra Roma e Viterbo ha fatto una scelta colturale ben precisa destinando centinaia di ettari ai NOCCIOLETI.  Anni fa molti di questi terreni erano dedicati ai fruttiferi e uliveti che fornivano una produzione olearia ottima. Poi è subentrata la nocciola e tutto è cambiato.

La riconversione è stata rapida ed è ancora in corso con un vertiginoso aumento della piantumazione.

Questo incremento è dovuto oltre che al territorio particolarmente favorevole anche alla crescita esponenziale della richiesta di prodotto e all’andamento più che favorevole dei prezzi alla consegna.

 

La produzione nazionale non soddisfa assolutamente la domanda e così, tra 1000 contestazioni (che andrebbero esaminate e chiarite dagli Organi competenti)  i grandi utilizzatori hanno fatto rotta verso vari mercati esteri e in primis sulla Turchia. Sicuramente attratti  dai minori costi (mano d’opera, acquisto terreni e indotti vari) ma consapevoli di ricavarne comunque un prodotto di qualità sicuramente inferiore.

Quest’anno, poi, le quantità provenienti da oltre confine si prevedono molto al di sotto delle stime iniziali. Buon per noi che vantiamo, tra Piemonte, Lazio e Campania, le nocciole fra le migliori al mondo!

 

Però il meteo di questi ultimi mesi non ha certo aiutato i coltivatori e ha in parte compromesso le previsioni fatte in maggio e giugno.

Oltre alla grande siccità, anche i forti venti che si sono registrati nel mese di luglio hanno pregiudicato per un  30% la produzione che fino a quel momento sembrava essere  buona. Infine negli ultimi giorni  anche le forti piogge e le grandinate hanno rovinato dal punto di vista qualitativo le nocciole non ancora raccolte e rimaste sul terreno a contatto con l’acqua.

Con queste condizioni climatiche le irrigazioni (e quindi il consumo di acqua e di energia) sono state davvero massicce e fondamentali. Anche i parassiti hanno giocato contro e le precipitazioni hanno fatto il resto…Quindi maggiori costi di gestione, di raccolta e di asciugatura.

 

E’ sempre difficile fare previsioni sull’andamento del prezzo delle nocciole. Ognuno poi segue il proprio istinto e 2 scuole di pensiero si fronteggiano e vedono impegnati, in questi giorni, gli agricoltori: chi decide di vendere, alla prima quotazione, tutto e subito e chi, da vero giocatore di poker, aspetta e spera in nuovi rilanci. E’ per molti un gioco logorante e che vale alcuni milioni!  

 

E, con tutte queste premesse, diciamo che non è un caso se la Nutella o i Baci di Dama (biscotti) o il classico Bacio siano nati in Italia per invadere il mondo. Ma la nocciola ha un impiego a 360° gradi. Compare in tutti i prodotti da forno e nella pasticceria. Diventa farina,  granella, tostata accompagna gli aperitivi, diventa gelato e derivati vari. Sostituisce alla grande i pinoli nel PESTO ALLA GENOVESE e le mandorle in qualunque battuto. E’ un frutto ricchissimo di vitamina E e di fitosteroli (per la prevenzione delle malattie cardiovascolari) e di grassi monoinsaturi (che abbassano il colesterolo). Il guscio è un’ottimo combustibile di grande resa e a basso prezzo.  E alla fine udite udite: l’olio delle nocciole è molto “caro” all’industria cosmetica.

Quindi nocciole italiane sempre e comunque. (anna ricca)

 

Grazie a Coldiretti per alcune informazioni che mi sono state molto utili

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23956 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014