torna su
23/09/2019
23/09/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Anno nuovo spesa più cara: a pagamento buste per frutta e verdura

Tra 1 e 5 centesimi. Vietato portarle da casa. Multe salate per chi non rispetta le nuove norme

Avatar
di G.I. | 2017-12-29 29/12/2017 ore 16:58

Dal 1° gennaio i sacchetti per imbustare frutta e verdura nei supermercati saranno a pagamento. I sacchetti di plastica leggeri e ultraleggeri – utilizzati anche per carne, pesce, prodotti di gastronomia e panetteria – saranno, infatti, sostituiti dagli shopper biodegradabili e compostabili a pagamento (con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 40 per cento). L’articolo 9-bis della legge di conversione 123/2017 – il cosiddetto decreto Mezzogiorno approvato lo scorso agosto – prevede infatti che non possano essere distribuite a titolo gratuito. E – recita la norma – «il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite». La norma non riguarda solo la grande distribuzione, ma anche i piccoli negozi.

Vietato portare da casa i sacchetti
Di fatto, inoltre, i consumatori non potranno aggirare il nuovo obbligo di pagare le bustine trasparenti dei supermercati, perché per ragioni igieniche sarà vietato portare da casa i sacchetti da utilizzare all’interno del supermercato per imbustare frutta, verdura, ma anche il pane e altri alimenti sfusi. In una nota di chiarimento inviata alla Gdo il ministero dell’Ambiente ha infatti chiarito che l’obbligo di pagare i sacchetti sarà accompagnato dal divieto di riutilizzo delle buste biodegradabili per ragioni igieniche. Un divieto che sembra un po’ in contrasto con la finalità del contenimento dell’uso di sacchetti in plastica.

Prezzi fra uno e cinque centesimi
Le imprese della grande distribuzione si stanno organizzando, anche se pochi dei grandi player si sbilanciano sulle cifre che saranno applicate dal 1° gennaio. In linea generale la grande distribuzione si sta orientando in un range compreso fra uno e 5 centesimi, come conferma anche Carrefour che non ha però ancora reso noto il prezzo che applicherà. Alcuni, come per esempio Esselunga, hanno già iniziato la sostituzione dei sacchetti con gli shopper biodegradabili ma non hanno ancora indicato il costo per il cliente. Unicoop Firenze è invece fra le poche ad aver già reso noto che dal 1° gennaio 2018 in tutti i punti vendita i sacchetti bio per i prodotti sfusi dell’ortofrutta, i prodotti serviti al banco carne e al banco pesce, e per le richieste di soci e clienti in cassa costeranno 1 centesimo. Auchan sta orientando sulla cifra di 2 centesimi. Nei piccoli esercizi il prezzo potrebbe sfiorare i 10 centesimi.

Pesanti sanzioni per chi non rispetta le nuove norme
Pesanti le conseguenze per chi non rispetta la nuova normativa: per chi viola le nuove regole è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 25mila euro. Sanzione che è aumentata a 100mila euro se la violazione del divieto riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica o un valore di queste ultime superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
821 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014