torna su
19/04/2021
19/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Good France, iscrizioni aperte per la cena evento alla francese

Il progetto coinvolgerà il 19 marzo 2015 mille chef in tutto il mondo

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 1/12/2014 ore 14:41
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:32)

 

C’è anche il celebre chef Alain Ducasse, in Italia con un solo ristorante Stella Michelin dal 2007 a Castiglione della Pescaia, nel comitato che selezionerà i menù migliori presentati dalle cucine di tutto il mondo per il progetto ‘Good France’. E saranno più di mille gli chef di cinque continenti che daranno il loro contributo all’incontro conviviale fissato per il 19 marzo 2015, creando un’unica tavola ideale dedicata al Goût de France. Alla data fatidica mancano ancora più di tre mesi, ma la campagna per le iscrizioni è già partita. L’appello per sensibilizzare gli chef e i cuochi italiani arriva da Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia. Il ministro consigliere Erkki Maillard tiene molto alla partecipazione degli chef italiani, come ulteriore testimonianza della condivisione culturale e della forte amicizia fra Italia e Francia. E in nome dello scambio sempre attivo fra i due Paesi nei settori del cinema, dell’arte, della musica e della letteratura, il ministro Maillard anticipa un’altra news molto interessante: tre degli chef che parteciperanno a ‘Good France’ saranno selezionati dall’ambasciatrice di Francia, Catherine Colonna che prevede di aprire le cucine del Palazzo Farnese, tre volte nel corso del 2015 in occasione di ‘Cucina aperta’. A proposito di scambio e condivisione, gli chef avranno l’opportunità di proporre un loro menù italiano in Ambasciata. Per gli chef italiani è questo il momento per lustrare pentole e fornelli e creare un menù originale che dovrà “valorizzare la gastronomia francese in tutta la sua varietà, con la libertà per ogni chef di presentare la sua proposta a base di prodotti di qualità”. Con un altro presupposto importante: “ogni menù sarà il testimonial di una cucina che utilizza meno grassi, zucchero e sale e che, allo stesso tempo, tuteli il ‘mangiare bene’ e l’ambiente, con ampio spazio alle verdure”.

Ecco le portate che non dovranno mancare:

Aperitivo della tradizione francese con champagne e gougères (farcite oppure no) o con cognac glacé e foie gras

Antipasto freddo

Antipasto caldo

Pesce o crostacei

Carne rossa o bianca

Un formaggio o una selezione di formaggi francesi

Un dessert al cioccolato

Vini francesi

Digestivo francese

Il prezzo del menù, gustato trasversalmente in tutto il mondo il prossimo 19 marzo, è lasciato alla discrezione del ristoratore: va ricordato che ognuno s’impegnerà a versare il 5% del ricavato ad una ONG locale che operi per il rispetto della salute e dell’ambiente.

C’è tempo fino al 15 dicembre 2014 per presentare la propria candidatura alla cena-evento, collegandosi al sito www.goodfrance.com. Un comitato internazionale di chef selezionerà la lista dei partecipanti, che sarà poi resa pubblica a gennaio 2015. Per i ristoranti di alta gastronomia così come per i bistrot di qualità, è un’occasione da non perdere: cucinare francese per Good France gli consentirà di valorizzare la propria cucina a livello locale e globale con il sostegno delle ambasciate e di Atout France, l’Ente per lo sviluppo del Turismo Francese.

(r.p.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25315 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014