torna su
20/04/2021
20/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Ristorante 'al 59': tanto amato da Fellini

Armarcord fra cucina e locale ricordando il grande regista

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 28/12/2014 ore 12:37
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:34)

Il tavolo rotondo prediletto da Federico Fellini così come la sua sedia sono ancora al loro posto. Una targa e tante foto ricordano il regista che per 20 anni, a quel tavolo, solo o con Giulietta Masina, sedeva per pranzo o cena. C’è anche il grande tavolo rettangolare dove Fellini a volte riuniva parte della troupe e continuava il confronto sul film in lavorazione. Per lui che, abitava a v. Margutta erano proprio 2 passi. Il Ristorante 59 è nel pieno centro del Tridente eppure lontano dalla folla, tranquillo e un po’ vecchio stile com’è giusto che sia. Sono passati anni, da allora, e subentrate gestioni che hanno stravolto il locale (senza troppa fortuna). Ora tutto è ricominciato riportando indietro le lancette del tempo. Il nuovo proprietario e chef Alberto Colacchio dice “ho voluto mantenere i piatti romagnoli tanto amati dal regista e ripropongo anche il classico carrello dei bolliti”. Ma ha fatto di più. Con l’aiuto di Marco Lombardi, giornalista cinematografico, e i consigli di Francesca Fabbri Fellini, nipote del maestro, (e autrice di un ricettario “A tavola con Fellini“) propone le Ceneforum. Serate a tema che associano liberamente un film ad un piatto di nuova invenzione, ideato per trasferire le emozioni dell’opera. Si inizia con la Dolce Vita, poi lo Sceicco bianco (15.1), I clowns (12.2), Otto e mezzo (12.3), Amarcord (16.4), Ginger e Fred (14.5). Ogni piatto verrà introdotto da scene del film che, proiettate su un grande schermo, caleranno l’ospite nella giusta atmosfera. Per ogni pellicola sono state individuate anime diverse che Colacchio si impegna a tradurre e sintetizzare nelle varie portate. Quindi un’esperienza “multisensoriale” in un ambiente piacevole. Un bow-window dà direttamente sulla Passeggiata di Ripetta e il sole entra con grande allegria. Per completare la sensazione di essere entrati in un’atmosfera diversa ritroviamo anche Aminta, cameriere prediletto da Fellini e richiamato a gran voce sul “set”. Lui conosceva i desideri e le esigenze del regista e oggi, con tutti i ricordi intatti, si avvicina a noi. Film e abbinamenti gastronomici a parte, il 59 serve un’ottima cucina, non solo romagnola, e un menù con agganci fra tradizione e reinterpretazione. (GDR/a.r.)

 

“Al 59” Ristorante – via Angelo Brunetti 59

info@ristorante59.it

Aperto durante le festività

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25323 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014