torna su
22/09/2020
22/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

I Panettoni non conoscono crisi. Lo dice la CNA

10mila panettoni prodotti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 22/12/2015 ore 10:36
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 20:07)

“I prodotti dolciari della tradizione natalizia non conoscono crisi: negli oltre 400 forni romani, le vendite hanno mantenuto le posizioni degli ultimi anni. Con un leggero incremento, dovuto all’aumento di forni che producono dolci artigianali”. Così una nota della di Roma.

“È un fenomeno che sta prendendo piede negli ultimi anni” osserva Bernardino Bartocci, presidente Associazione Panificatori della Cna di Roma. “Ormai per ogni quartiere della città ci sono forni che producono panettone artigianale, pangiallo, panforte, pane con le noci… Fino a qualche anno fa non era così. La preferenza verso questi acquisti rispetto ai prodotti industriali è rafforzata dal rapporto di fiducia del fornaio sotto casa, dove si va tutto l’anno, e soprattutto in queste settimane in cui i romani hanno preferito non allontanarsi troppo dal quartiere”. 

“Dunque un aumento della produzione (oltre 10mila artigianali saranno prodotti complessivamente quest’anno) che viene ben assorbita da un pubblico di consumatori più attento alla qualità – prosegue la nota – Rispetto al panettone industriale, che resta secco all’esterno e morbido all’interno, la morbidezza dei panettoni fatti a mano è omogenea. Il panettone artigianale è lievitato naturalmente, morbido, umido, ma non troppo. Nella farcitura, è importante il giusto mix tra uvetta e canditi. Infine, in un buon panettone artigianale, è riconoscibile il sapore della vaniglia, del burro e delle uova. Per finire, l’aspetto esteriore deve apparire non bruciato, ma di un intenso color nocciola. Il prodotto fresco e artigianale non presenta note rancide, derivanti dalle materie prime utilizzate. Per chi vuole aggiungere un tocco di fantasia, un consiglio: farcirlo con crema pasticcera o farlo a pezzetti da servire in colorate coppette con ricotta e gocce di cioccolato. E ancora: zabaione, marmellata…”

“Per evitare gli sprechi, ecco i consigli di : ‘L’invenduto si può donare alle comunità di beneficienza. E quello che resta in casa può essere consumato entro un mese: non sarà morbido come i primi giorni, ma è ottimo per accompagnare una sana colazione’”. C.T. ( Fonte Omniroma)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23707 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014