torna su
10/04/2021
10/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Massimo Girotti, film d'autore e prima monografia al Cinema Trevi

Parte il 18 febbraio la maratona dedicata all'attore scelto da Visconti

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 16/02/2015 ore 12:35
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:37)

 

L’omaggio a Massimo Girotti della Cineteca Nazionale si completa affiancando alla lunga sequenza di proiezioni dei suoi film più noti, in calendario dal 18 al 22 febbraio, la presentazione del libro di Roberto Liberatori, dal titolo ‘Massimo Girotti, cronaca di un attore’. Il Centro Sperimentale di Cinematografia e Teke Editori invitano il pubblico dei cinefili mercoledì 18 febbraio 2015 alle 20.45 nella sala del Cinema Trevi Cineteca Nazionale, in vicolo del Puttarello 25, per scoprire la prima monografia italiana dedicata al protagonista del grande schermo che ha avuto una carriera lunghissima, nonostante o forse grazie al suo temperamento di “uomo schivo e riservato, non alla ricerca di facili successi ma bisognoso di rafforzare una propria solidità umana e affettiva”. Una maratona tra grande schermo e carta stampata, dunque, che ha inizio alle 17: apre ‘Knock-out! Harlem’ di Carmine Gallone (1943), seguito da ‘Un giorno nella vita’ di Alessandro Blasetti (1946). La serata si chiude con ‘In nome della legge’ di Pietro Germi (1949), dopo il dibattito. “Girotti raramente si è allontanato dai saldi valori ai quali era stato educato. E se proprio nelle scelte professionali ha dato prova di carattere anticonvenzionale, nella vita privata Girotti ha invece mantenuto esemplarmente equilibrio e semplicità, incarnando una sorta di regolarità nell’arte» scrive nell’introduzione l’autore Roberto Liberatori.

Nella monografia si narra una vicenda artistica che attraversa sessanta anni della nostra storia, a partire dal 1939 quando, da studente universitario proveniente da una famiglia borghese di origini marchigiane, Girotti si ritrova a godere da un giorno all’altro di una inaspettata popolarità. E’ la bellezza che lo fa notare e lo impone all’attenzione del pubblico e di giovani cineasti. Ma questa magnifica presenza scenica, vissuta spesso come un ostacolo, sarà solo il punto di partenza per un lungo lavoro di crescita professionale e intellettuale. Complice l’incontro e il sodalizio umano e artistico con registi come Alessandro Blasetti, Giuseppe De Santis e Luchino Visconti, solo per citare quelli più vicini a lui per sensibilità e cultura. Da loro imparerà tutto, facendo proprio un modello di professionismo basato sul rigore che lo farà resistere all’usura del tempo. (r.p.)

 

 

 

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25260 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014