torna su
24/02/2020
24/02/2020

ADV

CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Galleria Alberto Sordi, Galileo protagonista di un reading

La lettera originale alla prima apparizione pubblica

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 22/02/2015 ore 10:11
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:37)

 

La mostra ‘Magistri astronomiae dal XVI al XIX secolo: Cristoforo Clavio, Galileo Galilei e Angelo Secchi, testimonianze documentarie e strumenti scientifici’, allestita nello Spazio Espositivo Tritone della Fondazione Sorgente Group (via del Tritone 132), si arricchisce di un nuovo importante tassello. Verrà svelato lunedì 23 febbraio in Galleria Alberto Sordi, alle ore 12.30, con un reading speciale e una prima esclusiva esposizione al pubblico. Il nuovo elemento che entra a far parte del piccolo tesoro già in mostra da novembre scorso, è una lettera originale che Galileo Galilei scrisse al Gesuita Cristoforo Clavio, il 30 dicembre 1610. 

Mai mostrata in pubblico prima, la lettera di Galileo parla delle diverse fasi di Venere osservate con il cannocchiale, e fa concludere allo scienziato pisano che il pianeta ruoti intorno al sole, rafforzando la teoria eliocentrica che pone al centro il sole e non più la terra. Nel testo si accenna anche alla scoperta dei quattro satelliti di Giove, chiamati ‘Medicei’ in onore della Famiglia dei Medici, di cui Galileo parla diffusamente nella sua opera ‘Sidereus Nuncius’, pubblicata qualche mese prima. Tra le righe Galileo racconta anche di un viaggio da compiere a Roma: viaggio al termine del quale verrà accolto trionfalmente dal Collegio Romano, l’università dei Gesuiti dove Clavio insegnava all’epoca. La mostra ‘Magistri astronomiae dal XVI al XIX secolo’, dopo il successo di pubblico registrato in questi mesi e la nuova acquisizione, verrà prorogata al 31 maggio 2015.

Va ricordato che i documenti protagonisti dell’esposizione, frutto della collaborazione con l’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana, sono stati recuperati grazie al progetto di valorizzazione e digitalizzazione del Fondo Clavius, al quale appartengono, finanziato dalla Fondazione Sorgente Group. Completano la mostra gli antichi strumenti di osservazione e di rilevazione appartenenti all’INAF – Museo Astronomico e Copernicano di Roma e il Globo celeste della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. (r.p.)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
22200 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014