torna su
10/04/2021
10/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il Don Giovanni di Filippo Timi al Teatro Argentina

rivisitato con humor nero

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 12/03/2015 ore 9:24
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:38)

Il mito di Don Giovanni, rivisitato con humor nero e grande vitalità da Filippo Timi, occupa il palco dell’Argentina fino al 15 marzo. “Vivere è un abuso, mai un diritto” per questo prototipo del libertino rivisitato da Timi, autore, attore e regista di una messa in scena che attraverso Don Giovanni vuole raccontare una umanità volubile, affamata di potere, che inganna e si autoinganna perché sa che è condannata a morire. “Don Giovanni – annota Filippo Timi – conosce la sua fine, è solo questione di rincorsa. Don Giovanni è l’umanità finalmente priva di quelle morali colpevoli dell’assurdo destino verso cui stiamo precipitando. E la colpa non è certo della storia, o di tutti quei Cristi che c’hanno professato amore, ma la nostra: la fame di potere insita nell’uomo, nessuno escluso, la fame di resistere, di ingannarsi piuttosto che sopravvivere. Don Giovanni è un’intera Storia dell’umanità che muore. Finalmente, dopo la sua rincorsa, dopo millenni di fame, eccolo pagare il conto. Non c’è scampo: se neppure un’umanità sveglia e godereccia, fuori dalle regole e concentrata sul piacere, non può esimersi dalla morte, allora, neppure noi possiamo più far finta di nulla”. Lo spettacolo è una produzione del Teatro Franco Parenti e del Teatro Stabile dell’Umbria. (g.c)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25260 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014