torna su
18/06/2019
18/06/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mafia Capitale: Alemanno si difende, estraneo a ogni reato

l'ex sindaco all'antimafia

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 15/04/2015 ore 17:49
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:41)

“L’unica certezza che vi devo manifestare e’ la mia completa estraneita’ rispetto ad ogni ipotesi di reato e alle connivenze che mi vengono attribuite nella ricostruzione dei fatti criminosi”. Cosi’ l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, nel corso dell’audizione in Commissione Antimafia.  “Il pool inquirenti ha ritenuto che non fosse ancora il tempo del confronto, noi ci siamo offerti e loro hanno detto ‘a meno che non si venga ad autodenunciare non c’e’ motivo'”, ha aggiunto.  “Il fatto che abbia conosciuto Carminati a Rebibbia e’ una cosa restituita di fondamento”, ha sottolineato rispondendo ad una domanda sulla vicenda del suo arresto risalente al 1982. Alemanno ha precisato e’ vero “che Buzzi era detenuto nel braccio G9 del carcere. Io Carminati non l’ho mai conosciuto in quegli anni perche’ facevamo parte di fazioni diverse”. “Quando fui arrestato – ha spiegato – fui detenuto nel braccio G8, se fossi andato nel G9 sarei stato aggredito e picchiato dai Nar e dagli altri. Io per tutto il periodo non ho avuto nessuna possibilita’ di incontrare Carminati. Solo nell’ultimo mese sono stato s postato nel G9” ha detto, precisando comunque di non aver incontrato Massimo Carminati. “Ho conosciuto Dimitri – ha detto – ma non sono stato suo compagno di cella”.  E riguardo all’ipotesi di scioglimento del Campidoglio: “Io personalmente credo che non ci siano gli estremi per lo scioglimento per mafia del Campidoglio e mi auguro che la commissione di accesso giunga alle stesse conclusioni. Il ragionamento che faccio e’ di carattere politico: dopo tutto quello che e’ successo e con i problemi che ha questa amministrazione, sarebbe molto più opportuno che il sindaco Marino rassegnasse le dimissioni e si andasse non ad uno scioglimento per infiltrazione mafiosa ma ad uno scioglimento legato ad una scelta politica, per arrivare a nuove elezioni dopo alcuni mesi di commissario. In questo modo di creerebbe una barriera netta tra tutto quello che e’ accaduto nel passato ed il futuro”.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20371 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014