torna su
11/04/2021
11/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

E' morto il rabbino emerito Elio Toaff, l'omaggio di Roma

Poi funerali a Livorno

Avatar
di Redazione | 2016-11-26 20/04/2015 ore 11:12
(ultimo aggiornamento il 26 Novembre 2016 alle ore 19:41)

E’ morto a Roma il rabbino emerito della comunità ebraica Elio Toaff. Avrebbe compiuto 100 anni il prossimo 30 aprile. Il Consiglio della Comunità Ebraica di Roma annuncia che i funerali del Rabbino Capo Emerito, Rav Elio Toaff, si terranno oggi pomeriggio a Livorno. Alle ore 11 la bara di Elio Toaff sarà esposta sotto il colonnato del Tempio Maggiore di Roma per permettere a tutti di poter onorare il Rabbino. Alle ore 13.30 un corteo funebre si muoverà dal Tempio Maggiore. Subito dopo il carro funebre partirà per Livorno. “Piangiamo in queste ore la scomparsa di un uomo straordinario. Un punto di riferimento, un leader, una guida spirituale in grado di segnare il suo tempo e il tempo delle generazioni che ancora verranno. I gesti e gli insegnamenti che hanno caratterizzato il magistero e la lunga vita del rav Toaff rappresentano infatti uno dei momenti più alti nella storia, non solo dell’ebraismo italiano ma dell’umanità intera. Grazie rav per tutto quello che hai fatto e rappresentato. La tua lezione non sarà dimenticata. E che il tuo ricordo possa essere di benedizione per tutti noi”. Queste le prime parole del presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Renzo Gattegna. Con la scomparsa di Toaff non se ne va solo un grosso pezzo della storia recente dell’ebraismo italiano, ma anche una delle più alte autorità morali della religione ebraica e uno dei principali artefici del dialogo con la Chiesa di Roma. Nato a Livorno il 30 aprile 1915, Toaff si è laureato in teologia al Collegio rabbinico di Livorno con il titolo di rabbino maggiore. Durante la guerra e la Shoah, sfuggito a tentativi di deportazione e assassinio da parte nazista, entrò nella Resistenza. Già rabbino capo di Ancona, dal 1941 al 1943, Toaff è stato poi rabbino capo a Venezia, dal ’46 al ’51, poi di Roma per ben 50 anni, dal 1951 al 2001. Durante la sua vita, Toaff ha dato un significativo contributo al dialogo ebraico-cristiano, grazie ai suoi rapporti con il mondo cattolico. Già nel ’58 ebbe parole di apprezzamento per la controversa figura di Pio XII, affermando alla sua morte: “Più che in ogni altra occasione, abbiamo avuto l’opportunità di sperimentare la grande compassione e la grande generosità di questo Papa durante gli anni della persecuzione e del terrore, quando sembrava non ci fosse per noi più alcuna speranza”. Nei suoi scritti, il rabbino emerito di Roma ricordava poi con favore gli anni di Giovanni XXIII, e il Concilio Vaticano II che con l’approvazione della dichiarazione “Nostra aetate” dava una svolta definitiva ai rapporti tra le due religioni escludendo la responsabilità collettiva degli ebrei per la morte di Gesù, condannando ogni forma di antisemitismo. Poi il primo incontro con Giovanni Paolo II l’8 febbraio 1981 a Roma nella canonica delle chiesa di San Carlo ai Catinari, vicina al ghetto di Roma, che mise le basi per la storica visita del pala polacco che il 13 aprile 1986, con Toaff, varcò le porte della sinagoga di Roma. L’8 ottobre 2001 le dimissioni dalla carica di Rabbino Capo di Roma, con la carica assunta da Riccardo Di Segni. Tra le sue opere “Perfidi giudei, fratelli maggiori” (Mondadori, 1987); “Essere ebreo”, intervista di Alain Elkann (Bompiani, 1994) Presentazione in Dal liceo ad Auschwitz – Lettere di Louise Jacobson (L’Arca Società Editrice dell’Unità, 1996); “Il Messia e gli ebrei” con Alain Elkann (Bompiani, 1998). Il 30 aprile prossimo Toaff avrebbe compiuto 100 anni. (fonte e foto Omniroma)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25264 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014