torna su
16/04/2021
16/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Mattarella, studio per dialogo e apertura ad altre culture

Ieri all’università di Cassino il presidente ha ricordato i migranti morti nel Mediterraneo

Avatar
di Redazione | 2019-03-12 12/03/2019 ore 9:20

Italian President Sergio Mattarella reacts during his joint press conference with Finnish President Sauli Niinisto (not pictured) at the Presidential Palace in Helsinki, Finland September 27, 2017. President Mattarella is in Finland on a state visit to discuss political and economic relations between Finland and Italy as well as other current questions with President Niinisto and among a larger group. Jussi Nukari/Lehtikuva/via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. NO THIRD PARTY SALES. NOT FOR USE BY REUTERS THIRD PARTY DISTRIBUTORS. FINLAND OUT. - RC1512FF10F0

“Studio, approfondimento, preparazione e professionalità”. Da settimane Sergio Mattarella batte su questo tasto evidentemente preoccupato da un’Italia che scivola pericolosamente nell’esaltazione della superficialità, risucchiata in un gorgo che quasi beffeggia il valore della cultura. E ieri dall’università di Cassino il presidente fa un passo avanti celebrando l’etica della conoscenza come cifra fondamentale dell’essere umano e delle sue relazioni.

“Lo studio è strumento per l’apertura e il rispetto verso altre culture, verso altre opinioni. E’ spunto per il dialogo e l’amicizia”, ha spiegato in un intervento “a braccio” che rappresenta l’ennesimo capitolo di una narrazione coerente.

Il capo dello Stato da mesi visita le università italiane per mostrare la propria vicinanza agli atenei, ai rettori e agli studenti che all’unisono lamentano “scarsa attenzione” istituzionale al loro mondo. E Mattarella, lui stesso professore di Diritto, non ha bisogno di farsi pregare per sollecitare le istituzioni a investire di più, perchè è necessario, anzi indispensabile, che il numero dei laureati italiani cresca allontanandosi dal mortificante dato che colloca l’Italia negli ultimi posti per il numero di laureati in Europa. E soprattutto non smette mai di ribadire il principio costituzionale dell’uguaglianza: “gli studi universitari non possono essere riservati a una elite”, spiega usando un termine francese molto di moda negli anni del populismo.

Il presidente sviluppa il ragionamento e prendendo spunto dall’intervento della giovane rappresentante degli studenti, Elena Di Palma, spiega bene come si declina nella società il “rispetto ed apertura verso altre culture”.

Ci sono “morti nel Mediterraneo che interrogano fortemente le nostre coscienze”, premette Mattarella. E cita una di queste tragedie dell’immigrazione, una morte in mare che ha avuto un forte impatto emotivo tra gli italiani.

“C’è un episodio drammatico che non posso dimenticare: quello di un ragazzo di 14 anni annegato nel Mediterraneo a cui è stata trovata cucita all’interno di una tasca la pagella con i suoi voti. E sono diversi – sottolinea – i casi di giovanissimi che attribuiscono il valore di un passaporto alla pagella, dandogli un valore anche più forte, quasi di accreditamento per il mondo. Questo è ciò interroga fortemente le nostre coscienze”. Veniva da lontano, dal Mali, il ragazzino che si portava addosso, come un tesoro, la sua pagella, ed è passato anche lui per l’inferno della Libia.

L’Europa non la raggiunse mai: il barcone su cui viaggiava si ribaltò, e i migranti furono trovati ancora chiusi nella stiva, tanto accalcati da potere a stento respirare. Morto insieme ad altri settecento, o forse novecento, nel grande naufragio del 18 aprile 2015 nel cuore del Mediterraneo. Il suo unico bene era una pagella, simbolo potente di un valore, lo studio, che l’Italia deve recuperare. (finta Ansa)

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25306 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014