torna su
11/04/2021
11/04/2021
Live TV

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

No a castrazione chimica, ma maggioranza divisa

Il M5S vota contro la proposta di Fratelli d’Italia – insieme a Fi e Pd – mentre la Lega a favore. E si dice “sconcertata e dispiaciuta” per il voto contrario

Avatar
di Redazione | 2019-04-4 4/04/2019 ore 10:30

La Camera ieri ha bocciato l’ordine del giorno di Fratelli d’Italia al disegno di legge ‘Codice rosso’ contro la violenza sulle donne, che impegnava il governo a introdurre la castrazione chimica come possibilità subordinata alla concessione della sospensione condizionale della pena in caso di condanna per reati sessuali.

A poco meno di 24 ore dal ritiro dell’emendamento dei leghisti sulla castrazione, il partito di Matteo Salvini ha rilanciato votando insieme a FdI. Ma l’alleato di governo M5S ha votato no insieme a Forza Italia e Pd Fi e Pd. Risultato. Il Cinquestelle ribadiscono il concetto  “castrazione mai” (per rischio incostituzionalità e perché non è nel contratto di governo) mentre la Lega si dice “sconcertata e dispiaciuta” per il voto contrario.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
25264 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014