torna su
22/08/2019
22/08/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Greenpeace invade assemblea Nestlé: stop plastica monouso

Gli attivisti hanno mostrato ai dirigenti della multinazionale i rifiuti di plastica usa e getta riconducibili all’azienda svizzera ritrovati nei mari di tutto il mondo

Avatar
di Redazione | 2019-04-12 12/04/2019 ore 14:00

photo credit @greenpeace

Gli attivisti di Greenpeace hanno interrotto a Losanna l’Assemblea Generale annuale di Nestlé e hanno mostrato ai dirigenti della multinazionale i rifiuti di plastica usa e getta riconducibili all’azienda svizzera ritrovati nei mari di tutto il mondo. Esposti striscioni con la scritta “Nestlé, stop single use”. Nel corso dell’Assemblea i rappresentanti di Greenpeace e della coalizione internazionale Break Free From Plastic, un movimento globale in crescita in tutto il mondo, hanno chiesto alla Nestlé di smettere di inondare il mercato con enormi quantitativi di plastica monouso e di investire subito in sistemi di consegna alternativi basati sullo sfuso e sul riutilizzo.

La direttrice esecutiva di Greenpeace International Jennifer Morgan ha invitato i dirigenti e gli azionisti di Nestlé a diventare leader sul mercato nella soluzione della crisi globale dell’inquinamento da plastica. “Siamo qui con i nostri alleati del movimento Break Free From Plastic – ha detto Morgan – per dire a Nestlé che è il momento di invertire la rotta. La plastica soffoca i mari e uccide gli animali che li popolano e stiamo cominciando a capire le gravi conseguenze che il suo abuso può causare anche alla salute umana”. E ancora: “L’inquinamento da plastica è una catastrofe ambientale globale, tragica conseguenza del modello di consumo che ci è stato imposto dalle grandi multinazionali basato sull’usa e getta”.

Jennifer Morgan ha poi sottolineato: “Lo scorso anno Nestlé sosteneva di prendere sul serio il problema e, invece, ha prodotto 1,7 milioni di tonnellate di plastica, il 13 per cento in più rispetto all’anno precedente. È ora che la multinazionale si assuma le proprie responsabilità e presenti un piano d’azione concreto e trasparente, con scadenze ambiziose, per ridurre la produzione di imballaggi usa e getta e investire in sistemi di consegna veramente sostenibili basati sullo sfuso e sul riutilizzo”.

Le operazioni di pulizia e catalogazione dei rifiuti lungo i litorali effettuate lo scorso anno in 42 nazioni di 6 continenti hanno detto gli attivisti – hanno identificato Nestlé come uno dei tre marchi a cui era riconducibile il maggior numero di imballaggi in plastica. “Risultati analoghi sono stati riscontrati con Plastic Radar, l’iniziativa che ha raccolto segnalazioni fotografiche dei cittadini sulla presenza dei rifiuti sulle spiagge italiane. Anche in questo caso Nestlé è risultata tra le aziende più segnalate con i marchi Acqua Vera, Levissima, Motta e San Pellegrino”, ha aggiunto Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento Greenpeace Italia.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
20847 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014