torna su
08/12/2019
08/12/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Conte spinge su asse Pd-M5S contro Salvini

Ieri il premier è tornato in Umbria a raccontare l’azione di governo. Duello a distanza con la Lega su sicurezza-Russia

Avatar
di Redazione | 2019-10-25 25/10/2019 ore 11:04

Nessuna velleità da leader ma quello giallo-rosso è un governo “politico”. E’ in questi due concetti che si annida la strategia di Giuseppe Conte per cementare un’alleanza, quella M5S-Pd, che oggi a Narni per la prima volta si presenterà plasticamente davanti agli italiani. Ed è un’alleanza in cui Conte crede.

Il premier non lo nasconde neppure in Umbria, dove ieri è tornato per la seconda volta in sette giorni per raccontare l’azione del governo. E, indirettamente, per dare il suo contributo alla campagna M5S-Pd. Quanto varrà questo contributo alla coalizione umbra in termini percentuali è tutto da vedere. Ma per dirla come Brunello Cucinelli, che nel pomeriggio ospita Conte nel suo borgo-azienda, se M5S e Pd non si fossero uniti “il centrodestra avrebbe vinto 80 a 20”. Dove in quel 20 andrebbe racchiuso il consenso per i Dem e per il M5S.

Così, di fronte al comune avversario, Matteo Salvini, Conte, Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio mettono da parte sospetti reciproci e freddezze. “Quella di Di Maio è stata una bella idea”, spiegano a Palazzo Chigi facendo riferimento all’evento di oggi a Narni. Un evento dai contorni ancora sfumati dove, ad esempio, al posto del palco a riunire Pd, M5S e Leu potrebbe esserci un tavolo comune.

In questo quadro Conte è consapevole che deve muoversi con prudenza. A chi, come Vincenzo Spadafora, solo qualche giorno fa quasi lo avvertiva a non fare il leader del M5S al posto di Di Maio Conte risponde con garbo: “quella di Spadafora è un’opinione legittima, ma non ho questa velleità”. E in questa prudenza risiede buona parte della tregua siglata con Di Maio in vista della manovra e finalizzata a limitare invasioni di campo da parte di tutte le parti in causa.

Concentrando le energie su altro: sulla mina vagante renziana, ad esempio, o sul leader leghista, con cui Conte è sceso ormai a duello. I due parlano ad una manciata di chilometri di distanza, nel comune pomeriggio umbro. Io disperato sul caso Russiagate? “Non rispondo alle battute…”, sottolinea Conte replicando agli attacchi della Lega nel day after dell’audizione del premier al Copasir e definendo “miserabili” le parole dell’ex ministro sull’omcidio di Roma. E Di Maio gli fa sponda. “L’unico Russiagate che esiste è quello di Salvini”, incalza il leader del M5S mentre Salvini torna all’attacco: da “Conte ieri è arrivata una supercazzola”.

Il premier incontra prima i dipendenti e poi, nel Teatro costruito da Cucinelli nel borgo ripopolato con la nascita dell’azienda, vede gli imprenditori, prima di incontrare il presidente della Cei Gualtiero Bassetti. Aziende e Chiesa, due componenti fondamentali della società umbra che si avvicina alle urne. Agli imprenditori Conte assicura una “lotta garbata” al sommerso, assicura un piano semplificazione della burocrazia dando l’idea di un concetto che poi il premier sottolinea ai cronisti: “questo è un progetto politico di governo di ampio respiro”. Per il “dopo” c’è tempo.

“Io su di me sono tranquillo, è come per gli esami all’università. C’è chi è pieno di ansie, io studiavo fino a poco prima. Poi facevo una doccia, sentivo un po’ di musica, e affrontavo l’esame sereno”. Una serenità che Conte ostenta anche nei confronti di Renzi: “non sospetto di nessuno, non ho tempo per pensare…”. Ma oggi, a Narni, Renzi non ci sarà. (Michele Esposito per Ansa)

Stampa

tagsconte, umbria

A proposito dell'autore

Avatar
21711 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014