torna su
26/09/2020
26/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Usa, primarie democratici: Biden trionfa nel Super Tuesday

Sanders resta in corsa grazie alla vittoria in California

Avatar
di Redazione | 2020-03-4 4/03/2020 ore 10:30

Joe Biden rientra prepotentemente in corsa nelle primarie del Partito democratico statunitense, aggiudicandosi nettamente la vittoria nel cosiddetto Super Tuesday. L’ex vicepresidente ottiene la vittoria in nove Stati, fra cui spicca quella seppur con poco margine in Texas, lasciandone al suo acerrimo rivale, Bernie Sanders solo quattro. Ancora incerto, invece, l’esito del voto nel Maine dove al momento è in corso un testa a testa. L’ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, ottiene la vittoria solo nello Stato delle Samoa e sembra ora a un passo dal ritiro. Pare vicina all’epilogo anche la campagna elettorale della senatrice Elizabeth Warren, incapace di sfondare anche nel suo Massachussets. “Siamo più vivi che mai”, ha detto Joe Biden, intervenuto da Los Angeles, per commentare l’andamento della giornata elettorale. “La nostra campagna sta decollando. Unitevi a noi per cambiare le cose”, ha aggiunto l’ex vicepresidente, un invito cui avevano già risposto diversi ex candidati alla nomination – dai senatori Amy Klobucher e Beto O’Rourke a quel Pete Buttigieg, sindaco della città di South Bend – che proprio poche ore prima del Super Tuesday hanno annunciato il loro endorsement a Biden.

I media statunitensi parlano apertamente di “tsunami Biden”, in netta contrapposizione con la dialettica del presidente in carica, Donald Trump, che si è sempre rivolto a lui con l’ironico appellativo di “Sleepy Joe”. E proprio Biden, nonostante le pessime performance nei confronti con i rivali democratici e il suo coinvolgimento nello scandalo del Kievgate, che però riesce a riunire intorno a sé le istanze dei democratici, poco inclini evidentemente a sostenere Bernie Sanders. I democratici si sono quindi “riuniti” sotto l’egida di Joe Biden, grazie anche al lavoro sottotraccia dell’ex presidente Barack Obama e di altre figure di spicco dell’élite del partito, dall’ex consigliere alla sicurezza nazionale Susan Rice a Victoria Reggie Kennedy, la vedova dell’ex senatore Ted. Sanders incassa la vittoria nello Stato più ambito, la California, oltre a portare a casa il Colorado, lo Utah e il suo Vermont, ma di certo esce decisamente ridimensionato da questa giornata elettorale: nel Super Tuesday di quattro anni fa, il confronto con Hillary Clinton, da tutti considerata la front runner democratica, è stato molto più equilibrato; inoltre, se si confrontano le percentuali, il candidato “socialista” ha registrato consensi più bassi.

I veri sconfitti della giornata sono ovviamente Michael Bloomberg ed Elizabeth Warren. Il magnate statunitense, al debutto, viene decisamente bocciato all’esame delle urne nonostante i 50 milioni di dollari investiti solo negli spot elettorali. La vittoria nelle Samoa, che porta in dote solo quattro delegati, è sicuramente di poco conto, così come le buone performance in California e nello Utah. Per ora l’ex sindaco di New York non ha annunciato ufficialmente il ritiro, ma allo stesso tempo si è detto “pronto a tutto pur di sconfiggere Trump” e, visto l’andamento del Super Tuesday, non si può escludere che possa accodarsi all’onda lunga lasciata dall’affermazione di Biden. La senatrice Warren, sempre più indietro nella corsa, ora si trova a un bivio: nel Massachussets, il suo Stato, è terza con circa il 21 per cento, un risultato decisamente negativo. Quattro anni fa Warren assegnò il suo endorsement a Hillary Clinton e nelle prossime ore potrebbe decidere di convergere verso Biden, tenuto conto degli aspri confronti avuti con Sanders durante i dibattiti fra i candidati democratici.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23746 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014