torna su
19/09/2020
19/09/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

L’estate della pandemia, i test e le regole per i rientri a rischio

Protocolli diversi tra regioni, la confusione dei viaggiatori

Avatar
di Redazione | 2020-08-26 26/08/2020 ore 11:30

L'area per i test rapidi all'aeroporto di Fiumicino

Nell’estate della pandemia l’attenzione resta alta non solo per proteggersi dal rischio di contagio ma anche per districarsi nella giungla di misure adottate da governo e regioni per i rientri dalle vacanze. Le regole, non sempre di facile accesso, vengono aggiornate di continuo a seconda dell’andamento dell’epidemia, le regioni spesso si muovono in ordine sparso e si registrano protocolli diversi addirittura anche tra le singole asl di una stessa città. I cittadini lamentano una diffusa confusione, difficoltà per seguire le indicazioni e non è raro che nel mese delle ferie in molti abbiano deciso di rinunciare a viaggiare per non rischiare l’isolamento al ritorno. Grande incertezza anche su tampone e test sierologico, fare uno o l’altro o entrambi? Non per tutti infatti è chiaro che il tampone serve per diagnosticare il virus, mentre il test rivela se ci sono anticorpi prodotti dall’organismo ma non chiarisce se l’infezione è in atto. Così se l’esame rivela anticorpi, bisognerà comunque fare il tampone.

Ecco una guida su come destreggiarsi tra test, tracciamento e ed eventuale quarantena sulla base delle ordinanze e delle misure adottate nelle ultime settimane da governo, ministero della Salute e regioni.

Rientri dalla Sardegna

I cittadini che hanno soggiornato in Sardegna si devono recare entro 48 ore a fare il tampone. La Regione Lazio ha indicato 20 drive-in nella Capitale, altri al porto di Civitavecchia o direttamente negli aeroporti – Fiumicino e Ciampino – dove sono disponibili i test con risposta in 30 minuti. Test disponibili anche negli aeroporti lombardi di Malpensa e Milano Linate, e da ieri nello scalo bolognese. A Napoli chi rientra si mette in fila all’Ospedale Cotugno, In Liguria, nonostante l’aumento dei contagiati di rientro dalla Sardegna nel porto di Genova, il governatore si è opposto all’obbligo di tampone.

Che cosa fare prima di mettersi in fila al drive in

Per avere accesso al tampone nella maggior parte delle regioni si consiglia di farsi prescrivere l’esame dal medico curante, il quale si informerà sui contatti sospetti e invierà l’informazione all’asl di competenza indicando eventualmente la necessità di contact tracing per monitorare eventuali focolai.
Chi fa il tampone dopo un contatto sospetto sarà posto ufficialmente in quarantena per 14 giorni, quando eseguirà il secondo tampone. Solo nel caso in cui risulti negativo per la seconda volta potrà uscire dall’isolamento.

Da e per la Sardegna

Un accordo ancora non c’è ma al tavolo del ministero della Salute, regioni e governo si incontreranno a breve per stabilire come gestire i test per chi riparte e per chi arriva in Sardegna.

Rientri da Croazia, Spagna, Grecia e Malta

I cittadini che nei 14 giorni precedenti all’arrivo in Italia abbiano soggiornato in Croazia, Grecia, Malta e Spagna, devono: presentare alle autorità una certificazione attestante che, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, si siano sottoposti a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone con esito negativo. Oppure sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuare con tampone entro 48 ore dall’arrivo nel territorio nazionale presso l’asl di riferimento. In attesa del test si deve osservare l’isolamento fiduciario presso la propria abitazione.
Chi invece atterra negli aeroporti italiani, dove sono previsti i kit con tampone veloce, può eseguirlo direttamente dopo lo sbarco.

Quarantena obbligatoria

È obbligatoria la quarantena per tutti i cittadini che nei 14 giorni precedenti all’arrivo in Italia abbiano soggiornato in Romania e Bulgaria.

Se arrivi da Paesi non europei

L’ingresso in Italia da tutti gli Stati che non fanno parte dell’Ue o dell’accordo di Schengen è consentito l’ingresso in Italia solo per
“comprovate esigenze lavorative di assoluta urgenza, motivi di salute, comprovate ragioni di studio, rientro presso il proprio domicilio”.

Le eccezioni

Sono previste alcune eccezioni: non è richiesta la motivazione per entrare nel territorio nazionale, sono quindi previsti spostamenti anche per turismo, ma resta l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per i cittadini di Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay

Per chi è vietato l’ngresso in Italia

È vietato l’ingresso in Italia alle persone che, nei 14 giorni antecedenti, abbiano soggiornato o sono transitate per uno dei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Colombia, Kosovo, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldavia, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana, Serbia.
Sono esentati dal divieto i cittadini italiani, di uno Stato Ue, di un Paese parte dell’accordo di Schengen, del Regno Unito, di Andorra, del Principato di Monaco, della Repubblica di San Marino o dello Stato della Città del Vaticano e i loro stretti familiari a condizione che siano residenti anagraficamente in Italia da prima del 9 luglio 2020 o anteriore al 16 luglio per coloro che provengono da Kosovo, Montenegro e Serbia.

Crociere

I servizi di crociera delle navi passeggeri di bandiera italiana sono ripresi dal 15 agosto 2020

Qual è la differenza tra test sierologico e tampone?

Il tampone nasofaringeo serve per ricercare il virus e quindi per diagnosticare l’infezione in atto. Mentre il test sierologico permette di individuare la presenza di anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario in risposta al virus e non è dirimente per la diagnosi di infezione in atto, in quanto l’assenza di anticorpi non esclude la possibilità di un’infezione in fase precoce, con relativo rischio che un individuo, pur essendo risultato negativo al test sierologico, risulti contagioso.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
23694 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014