torna su
20/10/2020
20/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Termoscanner e la temperatura è incerta

I termoscanner per la rilevazione della temperatura non sono del tutto affidabili

Anna Ricca
di Anna Ricca | 2020-09-30 30/09/2020 ore 13:00

photo credit: Giuseppe Simeone

Metti che: volete uscire e per precauzione vi misurate la temperatura con il vostro solito termometro di casa che rivela, per fortuna, un stato febbrile normale.

Ma, appena passate davanti ad un termoscanner siete di colpo più che sfebbrati anzi vi ritrovate nella situazione inversa: siete per caso già ibernati?

Forse i misuratori dei negozi, grandi magazzini, ospedali ecc non sono tarati bene o tarati al ribasso (per carità, senza alcuna intenzione) fatto sta che stamattina all’entrata di un centro commerciale la mia temperatura di 33° e l’altro ieri di 31°.

La prima volta fa molta impressione scoprirsi più morti che vivi, anche perchè, per quanto incerto sia il meteo, non siamo certo a livello di Rovaniemi, paese di Babbo Natale e del suo corteo di elfi e renne.

Così letti i risultati dei misuratori ci risulta difficile immaginare si possa ottenere una prevenzione serrata e certa. E’ anche vero che per entrare in un locale pubblico ci si disinfetta con il gel e si deve indossare la mascherina protettiva ma, il primo via libera lo da effettivamente il controllo della temperatura.

I termoscanner hanno il vantaggio di evitare un qualsiasi contatto diretto con il pubblico ma hanno anche un’affidabilità relativa (come detto sopra). Il termoscanner “legge” le emissioni termiche del nostro corpo. Alcuni di questi lettori vanno puntati direttamente al viso della persona, altri (completamente autonomi) richiedono che ci si avvicini con il polso scoperto. L’esito è velocissimo ma anche molto influenzabile da altre rilevazioni circostanti. Quindi freddo/caldo o diverse fonti di emissioni termiche. Quindi nessuna paura se lo scanner vi da un valore tremendamente basso. Purtroppo però può succedere anche il contrario: pur non avendo realmente valori febbrili alterati lo strumento dichiara una temperatura eccessivamente alta.

E li vi imbattete in un sonoro STOP. Nasce un conflitto non da poco che può crearvi forti disguidi.

Stampa

A proposito dell'autore

Anna Ricca
632 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014