torna su
29/10/2020
29/10/2020

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Immunità di gregge bocciata da 80 esperti, non ferma il virus

Lettera aperta su Lancet, servono misure per contenere diffusione del Covid

Avatar
di Redazione | 2020-10-15 15/10/2020 ore 17:30

Il cosiddetto approccio di “immunita’ di gregge” alla gestione dell’emergenza Covid-19, che ha lo scopo di far sviluppare l’immunita’ nella popolazione a basso rischio, proteggendo i piu’ vulnerabili, e’ “un errore pericoloso non supportato da evidenze scientifiche”. Lo ha detto un gruppo di 80 ricercatori in una lettera aperta pubblicata sulla rivista The Lancet. Tra i firmatari della lettera ci sono numerosi esperti internazionali con competenze che spaziano dalla sanita’ pubblica, epidemiologia, medicina, pediatria, sociologia, virologia, malattie infettive, sistemi sanitari, psicologia, psichiatria, politica sanitaria e matematica. “E’ fondamentale agire con decisione e urgenza”, hanno scritto gli studiosi. “Misure efficaci che sopprimono e controllano la trasmissione devono essere ampiamente implementate e devono essere supportate da programmi finanziari e sociali che incoraggiano le risposte della comunita’ e affrontano le disuguaglianze che sono state amplificate dalla pandemia”, aggiungono.

“Restrizioni continue saranno probabilmente necessarie a breve termine, per ridurre la trasmissione e rivedere i sistemi di risposta pandemici inefficaci, al fine di prevenire futuri blocchi. Lo scopo di queste restrizioni – continuano – e’ sopprimere efficacemente le infezioni da SARS-CoV-2 a livelli bassi che consentono un rapido rilevamento di focolai localizzati e una risposta rapida attraverso sistemi di ricerca, test, tracciamento, isolamento e supporto efficienti e completi in modo che la vita possa tornare quasi alla normalita’ senza la necessita’ di restrizioni generalizzate. La protezione delle nostre economie e’ inestricabilmente legata al controllo di Covid-19. Dobbiamo proteggere la nostra forza lavoro ed evitare incertezze a lungo termine”. Gli autori riconoscono che le restrizioni in corso hanno comprensibilmente portato a una demoralizzazione diffusa e alla diminuzione della fiducia nell’opinione pubblica e che di fronte a una seconda ondata di infezione vi e’ un rinnovato interesse per i cosiddetti approcci di immunita’ di gregge naturale.

Ma questo,secondo gli scienziati, porterebbe di fatto una vasta epidemia incontrollata. Gli studiosi dicono che qualsiasi strategia di gestione della pandemia che si basi sull’immunita’ dalle infezioni naturali per Covid-19 e’ difettosa. E spiegano che la trasmissione incontrollata nei giovani e’ pericolosa per tutta la popolazione.

Ci sarebbero prove provenienti dal mondo reale, accadute in molti paesi, le quali dimostrano che non e’ possibile limitare i focolai incontrollati a determinate sezioni della societa’, ed e’ praticamente impossibile e altamente immorale isolare ampie fasce della popolazione. Invece, gli scienziati affermano che sforzi speciali per proteggere i piu’ vulnerabili sono essenziali, ma devono andare di pari passo con strategie su piu’ fronti a livello di popolazione. Inoltre, dicono che non ci sono prove di un’immunita’ protettiva duratura alla SARS-CoV-2 dopo l’infezione naturale e avvertono che questa immunita’ calante a causa dell’infezione naturale non porrebbe fine alla pandemia di Covid-19 ma provocherebbe invece ondate ripetute di trasmissione per diversi anni. Dicono che questo potrebbe mettere le popolazioni vulnerabili a rischio per un futuro indefinito, poiche’ le strategie immunitarie di branco basate sulle infezioni naturali provocherebbero epidemie ricorrenti, come si e’ visto con molte malattie infettive prima della vaccinazione di massa.

Invece, gli autori chiedono la soppressione del virus fino a quando la popolazione non puo’ essere vaccinata. Gli autori avvertono inoltre che l’immunita’ di gregge basata sulle infezioni naturali rischia di avere un impatto sulla forza lavoro nel suo insieme e di schiacciare la capacita’ dei sistemi sanitari di fornire cure urgenti e di routine. “L’evidenza e’ molto chiara: controllare la diffusione nella comunita’ e’ il modo migliore per proteggere le nostre societa’ ed economie fino all’arrivo di vaccini e terapie sicure ed efficaci nei prossimi mesi. Non possiamo permetterci distrazioni che minano una risposta efficace. E’ essenziale agire con urgenza sulla base delle prove”, concludono i ricercatori.

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
24011 articoli

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014