torna su
24/08/2019
24/08/2019

ADV

CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Il diario del Papa in Perù: monito contro la corruzione

Francesco prende di petto il “virus” che piu’ ha “infettato” la classe politica del Paese

2018-01-20 20/01/2018 ore 7:29

Il Papa torna a parlare di pedofilia

E’ stata carica di valori sociali la giornata di Francesco in Perù. La tutela dell’ambiente, come dono di Dio, è stato al centro della sua enciclica Laudato sì, e il Papa ha voluto ribadire questo nella tappa peruviana del suo viaggio. Ma poi la corruzione, un suo tema forte, definita un virus.

Incontrando a Lima le autorita’ del Peru’ e il capo dello Stato Pedro Pablo Kuczynski, papa Francesco prende di petto il “virus” che piu’ ha “infettato” la classe politica del Paese: quello della corruzione. Nessuno sconto, quindi, da parte del Papa, che ha usato parole forti e chiare contro tale “flagello sociale” e per un deciso cambio di rotta.

“Il degrado dell’ambiente, purtroppo, e’ strettamente legato al degrado morale delle nostre comunità. Non possiamo pensarle come due questioni separate”, ha ammonito dapprima Francesco nel discorso al Palacio de Gobierno, parlando dell'”ombra” che si profila, della “minaccia” che si erge sulle speranze del Paese: cioè il modo “in cui stiamo spogliando la terra delle risorse naturali, senza le quali non e’ possibile alcuna forma di vita”. Cosi’ come “gli effetti catastrofici che, in nome dello sviluppo, stanno provocando molte iniziative”. “Allora – ha sottolineato – si altera tutta la trama vitale che costituisce la nazione”.

A mo’ di esempio, il Papa ha citato “le estrazioni minerarie irregolari”, diventate “un pericolo che distrugge la vita delle persone; le foreste e i fiumi vengono devastati con tutta la loro ricchezza”. “Tutto questo processo di degrado”, ha detto, “implica e alimenta organizzazioni al di fuori delle strutture legali che degradano tanti nostri fratelli sottomettendoli alla tratta – nuova forma di schiavitu’ -, al lavoro irregolare, alla delinquenza… e ad altri mali che colpiscono gravemente la loro dignita’ e, insieme, quella di questa nazione”. Quindi il suo invito esplicito a “essere molto attenti a un’altra forma – spesso sottile – di degrado ambientale che inquina progressivamente tutto il tessuto vitale: la corruzione”.

Non meno importante l’incontro con gli indigeni. Soprattutto ai più giovani ha chiesto di non perdere la loro identità, correndo dietro alle mode della società industrializzata ed occidentale.

Stampa

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014