Categorie: Cronaca

Ruby ter: pm chiedono di condannare Silvio Berlusconi a 6 anni

Chiesta anche la confisca di 10 milioni. Condanna per Ruby a 5 anni e "la confisca diretta di 5 milioni. Tra gli imputati, anche la parlamentare Maria Rosaria Rossi, per la quale è stata sollecitata una pena di 1 anno e 4 mesi.

Pubblicato da

Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio hanno chiesto ai giudici della settima sezione penale di Milano di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari nell’ambito del processo Ruby ter. Tra gli imputati, anche la parlamentare Maria Rosaria Rossi, per la quale è stata sollecitata una pena di 1 anno e 4 mesi, 2 anni la richiesta invece per il giornalista Carlo Rossella. Chiesto di condannare Ruby a 5 anni e “la confisca diretta di 5 milioni, quale provento del reato” corruttivo da parte di Silvio Berlusconi e “di 3 milioni” all’ex compagno Luca Risso, imputato per riciclaggio.  Chieste condanne fino a 5 anni per una ventina di ragazze, ospiti delle serate di Arcore, il cui silenzio sarebbe stato comprato dall’ex premier. Chiesti 6 anni e 6 mesi per Luca Risso. L’unica assoluzione riguarda l’imputato Luca Pedrini.

Ancora, la confisca di 10 milioni e 846 mila euro milioni di euro a Silvio Berlusconi. E’ la richiesta avanzata dal pm di Milano, Luca Gaglio, nell’aula del processo Ruby ter che vede l’ex premier e altre 28 persone imputate a vario titolo per corruzioni in atti giudiziari e falsa testimonianza. Secondo la ricostruzione dei magistrati milanesi, la cifra da confiscare equivale all’ammontare delle somme di denaro versate da Berlusconi a favore di Karima el Marough, la giovane marocchina più conosciuta con il soprannome di “Ruby”, delle altre “olgettine” e dei vari ospiti dei festini di Arcore per spingerli a mentire nell’aula del processo Ruby (concluso con la sua assoluzione definitiva in Cassazione) e soprattutto a non rivelare il “bunga bunga” che caratterizzava i dopocena della serate di Villa San Martino. Da qui l’accusa di corruzione in atti giudiziari contestata dalla procura di Milano all’ex premier.