Categorie: Economia urbana

Ostia: approvata graduatoria per Lotti C ed E a Capocotta

Alfonsi: Andiamo andati avanti con il lavoro sul litorale della nostra città ripristinando la legalità

Pubblicato da

È stata approvata la graduatoria e l’aggiudicazione provvisoria per la manifestazione di interesse relativa al Lotto C e al Lotto E per il parco dunale di Capocotta, nella riserva naturale statale del litorale romano. Il bando breve della durata di quattro mesi ha previsto l’affidamento del Lotto C e del Lotto E a Capocotta, come annunciato dal sindaco Roberto Gualtieri in occasione della consegna dei chioschi dei lotti A, B e D. Lo riferisce in una nota il Campidoglio. Dopo il completamento della demolizione degli abusi del Lotto C e la rimozione dei combusti a seguito dell’incendio che ha interessato il Lotto E, un giorno prima dell’uscita del bando generale relativo ai cinque Lotti di Capocotta, Roma Capitale ha messo a bando i due Lotti restanti con una procedura breve, che permette la fruizione pubblica delle dune con servizi adeguati e proposte di attività per la stagione 2024.

L’avviso è stato pubblicato per 15 giorni consecutivi con scadenza 5 giugno 2024.

All’esito dei lavori della commissione, sono risultati aggiudicatari dei due Lotti gli operatori classificatisi primi nella graduatoria di merito di ogni singolo Lotto: per il Lotto C, la società Zeta Beach srl e per il Lotto E la società Benic srl.

“Lo avevamo detto, siamo andati avanti con il lavoro sul litorale della nostra città ripristinando la legalità e chiudendo la procedura di affidamento dei due Lotti restanti nei tempi che ci eravamo prefissati. Le romane e i romani potranno fruire ancora di più e meglio del nostro litorale aperto, pubblico, inclusivo”, dichiara l’assessora all’Ambiente e ciclo dei rifiuti di Roma, Sabrina Alfonsi. “Dopo l’estate, pubblicheremo due bandi per la costruzione di chioschi uguali ai tre già affidati dal Dipartimento Ambiente (lotto A, lotto B e Lotto D), per la durata di 6 anni come previsto nel precedente bando”, conclude Alfonsi.