Ascolti tv, ‘Il Commissario Ricciardi 2’ vince prime time. Record per Fiorello

Al secondo posto della prima serata il 'Grande Fratello Vip' , al terzo 'Stasera Tutto è Possibile'

La terza puntata della fiction ‘Il Commissario Ricciardi 2‘ è stato il programma più seguito nella prima serata tv di lunedì, con una media d’ascolto di 3.756.000 spettatori e del 20.9%, che è valsa a Rai1 la vittoria nelal fascia 20.30-22.30. Al secondo posto, ‘Grande Fratello Vip’ su Canale 5, ha ottenuto una media di 2.671.000 spettatori pari con il 21.6% di share ma, durando fino all’1.26 di notte, ha regalato alla rete ammiraglia Mediaset la vittoria in seconda serata. Terzo piazzamento per ‘Stasera Tutto è Possibile’ su Rai2, con 1.356.000 spettatori e il 9% di share.

A seguire, tra gli altri ascolti di prime time: ‘Presa Diretta’ su Rai3 (902.000 spettatori, share 4.9%), ‘Freedom – Oltre il Confine’ su Italia 1 (844.000 spettatori, share 5.2%), ‘Quarta Repubblica’ su Rete 4 (716.000 spettatori, share 4.9%), ‘Collateral’ su La7 (488.000 spettatori, share 2.6%), ‘Little Big Italy’ sul Nove (440.000 spettatori, share 2.3%), ‘Karate Kid – La Leggenda Continua’ su Tv8 (333.000 spettatori, share 2%).

NUOVO RECORD PER FIORELLO – Nuovo record per Fiorello nel mattino di Rai2. La puntata di ‘Viva Rai2’, che ieri ha ospitato anche una telefonata della premier Meloni coinvolta in una divertita imitazione di se stessa, è stata vista da 1.020.000 telespettatori con il 18,9% di share. Il risultato più alto fin qui ottenuto dal programma. Notevole anche l’ascolto della replica a tarda notte su Rai1, con 266.000 spettatori e il 6,5% di share. Un risultato notevole, se si considera che a questi ascolti vanno poi aggiunti quelli di chi ha visto il programma on demand su RaiPlay. Su RaiPlay gli spettatori in diretta sono stati 40.000 mentre altre 240.000 sono state le visualizzazioni on demand.

Fonte© Copyright ADN Kronos – Tutti i diritti riservati
© StudioColosseo s.r.l. - studiocolosseo@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014