Crimea, esplosione distrugge missili Russia destinati a flotta Mar Nero

L'annuncio del ministero della Difesa ucraino. Da parte di Mosca non ci sono conferme

Missili da crociera russi “Kalibr” trasportati in treno e destinati alla flotta russa nel Mar Nero sono stati distrutti in un’esplosione avvenuta nella città di Dzhankoi, in Crimea. L’annuncio è stato dato dal ministero della Difesa ucraino. Le autorità di Kiev, sottolinea la Cnn, non hanno rivendicato direttamente la responsabilità dell’attacco, affermando però che serve a “smilitarizzare ulteriormente la Russia e preparare la penisola di Crimea alla liberazione dall’occupazione”. Sergei Askyonov, a capo delle autorità filorusse locali, ha confermato l’attacco e l’attivazione del sistema di difesa aerea della regione e – riporta la Dpa – ha annunciato l’abbattimento di due droni ucraini a Dzhankoi. Una persona è rimasta ferita e due edifici sono stati danneggiati, ha aggiunto. Da parte russa non ci sono conferme dell’avvenuta distruzione dei missili.

Leggi anche

Fonte© Copyright ADN Kronos – Tutti i diritti riservati
© StudioColosseo s.r.l. - studiocolosseo@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014