Oscar: dai jeans di Lady Gaga all’idratante di Hugh Grant, ecco i momenti top

Niente paillettes e lustrini: al centro del palco solo la sua voce. Il look di Lady Gaga per l’intensa esibizione di ‘Hold My Hand’ sul palco degli Oscar resterà negli annali dell’Academy per la sua semplicità e lo ‘stridore’ rispetto al glam dorato di Hollywood. T-shirt, jeans strappati, capelli raccolti, senza trucco: così si è […]

Niente paillettes e lustrini: al centro del palco solo la sua voce. Il look di Lady Gaga per l’intensa esibizione di ‘Hold My Hand’ sul palco degli Oscar resterà negli annali dell’Academy per la sua semplicità e lo ‘stridore’ rispetto al glam dorato di Hollywood. T-shirt, jeans strappati, capelli raccolti, senza trucco: così si è presentata sul palco la popstar per interpretare il brano in nomination come Miglior Canzone Originale. Un ‘coupe de theatre’ che, in un certo senso, è anche un subliminale inno alla causa femminista, in cui trionfano il valore e il talento. Molto apprezzato dal pubblico.

Dai jeans della regina della musica alla crema idratante di Hugh Grant. Il sense of humor dell’attore britannico ha strappato risate e applausi fra il pubblico del Dolby Theatre. Presentando il premio per la migliore scenografia con Andie MacDowell, co-protagonista di ‘Quattro matrimoni e un funerale’, Grant ha scherzato: “Lo scopo è duplice. Il primo è sottolineare l’importanza vitale di una buona crema idratante. Andie ne ha usata una ogni giorno della sua vita, io no”. L’attore ha quindi fatto un gesto a MacDowell, dicendo: “Ancora sbalorditivo”.

A regalare un altro momento topico alla serata è stato John Travolta. Nel presentare il consueto tributo ‘In Memoriam’ per i personaggi di Hollywood che sono morti lo scorso anno, Travolta ha offerto un tributo emozionante alla sua co-protagonista di ‘Grease’, Olivia Newton John. “Rimaniamo irrimediabilmente devoti a te”, ha detto Travolta in lacrime, riferendosi all’iconica canzone di Newton John ‘Hoplessly Devoted To You’. Applausi e lacrime per tutti i fan del film, un cult della storia del cinema americano. Infine il conduttore Jimmy Kimmel, quest’anno un po’ sottotono, ha regalato un siparietto esilarante portando sul palco un asino in un’ode al film irlandese ‘Banshees of Inisherin’. “È un asino di supporto emotivo certificato -ha detto- Almeno questo è quello che abbiamo detto alla compagnia aerea per farla salire sull’aereo dall’Irlanda. Se ti senti triste o hai bisogno di un abbraccio… Ti riportiamo su quel volo della Spirit Airlines ora”.

Fonte© Copyright ADN Kronos – Tutti i diritti riservati
© StudioColosseo s.r.l. - studiocolosseo@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna