Salute, lo studio promuove la dieta mediterranea

Influisce positivamente su microbiota

La dieta mediterranea, pasta e le verdure in particolare, migliorano la qualità e la biodiversità dei microbi che ospitiamo nell’intestino .“Una prova tangibile è uno studio europeo, – ha spiegato Patrizia Brigidi, Professoressa di Biotecnologia delle Fermentazioni presso l’Università di Bologna – in cui sono stati arruolati più di mille e duecento anziani over 65 (in cinque paesi diversi dell’Europa) e sottoposti a una dieta mediterranea arricchita di particolari componenti per rispondere alle esigenze nutrizionali dell’anziano. Dopo un anno i soggetti sono stati ri studiati . Negli anziani che avevano seguito la dieta mediterranea, è stato dimostrato che c’ erano degli aspetti fortemente positivi. A livello di composizione e di funzione del microbiota: aumentava la diversità, aumentavano i gruppi produttori di acidi grassi a corta catena e questa variazione si associava un ridotto stato infiammatorio, una migliore performance cognitiva e una riduzione in alcuni parametri che sono associati alla fragilità dell’anziano. Quindi una modificazione del microbiota correlava positivamente con una serie di miglioramenti di una serie di parametri associati all’invecchiamento.”

Fonte© Copyright ADN Kronos – Tutti i diritti riservati
© StudioColosseo s.r.l. - studiocolosseo@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna