Ambra a X Factor canta T’appartengo e diventa virale

tre minuti di esibizione fa impazzire i social

(ANSA) – ROMA, 10 DIC – Tre minuti di esibizione che hanno letteralmente infiammato il pubblico e la rete: Ambra Angiolini sul palco della finale di X Factor 2022 dal Forum di Assago canta “T’appartengo”, suo pezzo cult datato 1994, accompagnata da un maestoso corpo di ballo, con cui riproduce l’indimenticabile coreografia, e da una scenografia esplosiva.
    Gli oltre 7 mila spettatori del palazzetto impazziscono, gli altri giudici Fedez, Rkomi e Dargen (i primi due hanno trasmesso in diretta Instagram durante l’esibizione, e le urla di Fedez durante il brano sono diventate virali) e la conduttrice Francesca Michelin si scatenano, il pubblico da casa è in delirio e i social esplodono: in poco più di 24 ore la performance balza a 11 milioni di views sugli account social di X Factor, tra Youtube, Instagram, Facebook, Twitter e Tik Tok, la clip di “T’appartengo” schizza al 1 posto delle tendenze YouTube e 5 in classifica tra i brani più più scaricati su ITunes. Ambra, giudice di X Factor 2022, è tornata dopo 28 anni a reinterpretare la sua hit e lo fa in grandissimo stile, in una finale dello show Sky prodotto da Fremantle, seguitissima – oltre 1 milione e mezzo gli spettatori tra pay e free e più del 10% di share – , con un arrangiamento coinvolgente, un look perfetto che richiama, rinnovandolo, quello iconico di quasi 30 anni fa.
    Un momento indimenticabile per chi era già fan, che può cantarla all’unisono, e un pezzo da (ri)scoprire per chi in quel 1994 non era neanche nato. Un brano che dopo quasi 3 decenni si continua a riscoprire giovanissimo, un inno per un’intera generazione, che parte da “Non è la Rai” e arriva sul palco di X Factor 2022, e consacra Ambra, se mai ce ne fosse bisogno, tra le più grandi icone della pop culture e divinità pagana dei millennials.
    (ANSA).
   

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© StudioColosseo s.r.l. - studiocolosseo@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014