Europa League: Sarri, con questo calendario è un problema

Tecnico Lazio, 'Troppe partite, perché Aic non protesta?'

(ANSA) – ROMA, 24 NOV – “Non possiamo pensare di andare in giro per l’Europa e non provare ad arrivare alla qualificazione, ma se mi chiedete se l’Europa fatta così è un problema, allora dico sì. Prima si poteva giocare il lunedì in campionato, ora quasi mai, il calendario così è difficile e per me porta a un deterioramento della qualità delle partite”. Così il tecnico della Lazio, Maurizio Sarri, alla conferenza stampa di presentazione della trasferta di domani in casa del Lokomotiv Mosca.
    “Tante squadre sono senza quattro giocatori, mi meraviglio che la loro associazione (l’Aic, ndr) stia zitta. Si protesta per una settimana in più di vacanze a Natale, poi non dice nulla per tutte queste partite”, ha sottolineato ancora il tecnico biancoceleste, che prevede un impegno complicato per la sua squadra. “Vedendoli dopo il cambio del tecnico ho notato una squadra diversa, superiore – ha detto Sarri parlando degli avversari -. Le premesse sono di una gara difficile e molto più difficile rispetto all’andata. Dobbiamo disinteressarci di tutto il resto, se si fanno calcoli si ingarbuglia tutto. Se pensiamo che tra 72 ore rigiochiamo a Napoli si possono fare scelte diverse, pensiamo di partita in partita. Non mi piace essere troppo condizionato perché poi rischio di condizionare tutte e due le gare”.
    Sulle condizioni di Ciro Immobile: “Sta piuttosto bene. Ha fatto il primo e secondo allenamento che non aveva dolore, ma avvertiva sensazioni diverse dai due polpacci, negli ultimi giorni questa sensazione è scomparsa. Vediamo domani”. ha concluso il tecnico. (ANSA).
   

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna