Omicidio Desireé: domani la sentenza, chiesti quattro ergastoli

Sul banco degli imputati quattro cittadini africani

(ANSA) – ROMA, 18 GIU – E’ attesa per domani la sentenza per l’omicidio di Desireè Mariottini, la 16 enne di Cisterna di Latina, avvenuta il 19 ottobre del 2018 a Roma in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo. I giudici della III Corte d’Assise di Roma sono chiamati a valutare la richiesta di quattro ergastoli avanzata dalla Procura nei confronti di cittadini africani accusati di avere violentato e ucciso con un mix di droghe la minorenne. Sul banco degli imputati Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe. Nei loro confronti le accuse vanno, a seconda delle posizioni, dall’omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori. I pm Maria Monteleone e Stefano Pizza hanno sollecitato il carcere a vita con l’isolamento diurno per tutti mentre hanno chiesto l’assoluzione per Gara solo dalle accuse di cessione di stupefacenti e induzione alla prostituzione. (ANSA).
   

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna