Palamara valuta possibile ricorso rito abbreviato a Perugia

Condizionato ad ascolto testimoni, decisione prossima udienza

(ANSA) – PERUGIA, 08 LUG – Luca Palamara valuta la possibilità di ricorrere a “riti speciali”, in particolare un abbreviato condizionato a che vengano sentiti alcuni testimoni, nell’udienza preliminare in corso a Perugia nella quale è accusato di corruzione per l’esercizio delle funzioni in concorso con l’imprenditore Fabrizio Centofanti e Adele Attisani. La possibilità è stata delineata dallo stesso ex magistrato prendendo la parola in aula.
    La difesa di Palamara ha quindi chiesto un termine per valutare l’ipotesi e con il parere favorevole della procura di Perugia il procedimento è stato rinviato a venerdì della prossima settimana quando è previsto l’inizio della discussione dei pubblici ministeri Raffaele Cantone, Gemma Miliani e Mario Formisano.
    “Ovviamente puntiamo all’assoluzione del nostro assistito” ha detto all’ANSA il difensore di Palamara, l’avocato Benedetto Buratti. “Registriamo – ha aggiunto – che anche la Procura ha dovuto ridimensionare l’ipotesi accusatoria rendendosi conto dell’assoluta assenza di qualsivoglia atto contrario. Alla prossima udienza saremo in grado di decidere sulla fattibilità della nostra ipotesi”.
    La Procura ha intanto dato parere favorevole anche alla richiesta di Centofanti di patteggiare un anno e sei mesi.
    Istanza sulla quale ancora non si è però ancora espresso il giudice. L’imprenditore ha anche annunciato il versamento di altri 30 mila euro, in aggiunta ai 25 mila già pagati, quali risarcimento nei confronti dello Stato. (ANSA).
   

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna