Strage ad Ardea, vicino a Roma: uccisi un anziano e due bimbi, il killer si è suicidato

I due bimbi e l'anziano sono state le prime persone che ha incontrato. Il legale della famiglia dei piccoli: "I carabinieri erano passati cinque minuti prima nella casa dove è avvenuta la tragedia per un controllo"

Emergono nuovi dettagli della strage avvenuta ieri, a Marina di Ardea, vicino a Roma, quando un uomo armato e psicolabile, Andrea Pignani, ha ucciso a sangue freddo di due bambini e un anziano, togliendosi poi la vita.

Pignani è uscito di casa ieri mattina intorno alle 11 con felpa, zainetto e guanti e avrebbe percorso con la pistola in pugno alcune strade del comprensorio di Colle Romito, ad Ardea. Poi ha puntato la pistola contro le prime persone che ha incontrato, i due bambini e l’anziano. E’ quanto accertato finora dagli investigatori che stanno ricostruendo i terribili attimi della strage di Ardea.

“Cinque minuti prima della sparatoria una pattuglia dei carabinieri di Marina di Ardea era andata a controllare che il mio assistito Domenico Fusinato stesse in casa a rispettare l’ordinanza di custodia ai domiciliari”. E’ quanto rivela l’avvocato Diamante Ceci, legale dei genitori dei piccoli David e Daniel uccisi ieri ad Ardea. Quella stessa pattuglia, secondo quanto riferito, una manciata di minuti dopo è intervenuta dopo l’allarme lanciato e il triplice omicidio.

“Abbiamo messo a disposizione degli investigatori le immagini delle nostre telecamere”. Lo rivela il presidente del consorzio Colle Romito, Romano Catini. “Siamo distrutti per quello che è successo – aggiunge il presidente, che ieri sera è stato sentito dai carabinieri -. Questa sera ci sarà un’assemblea straordinaria e decideremo eventuali iniziative per ricordare le tre vittime. Probabilmente faremo una fiaccolata nel consorzio. C’è anche un’associazione che si è proposta di pagare i funerali”. Oggi il consorzio ha le bandiere a mezz’asta in ricordo delle vittime.

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna