Turchia, sventato piano servizi Iran per uccidere israeliano

Operazione congiunta tra servizi segreti turchi e israeliani

(ANSA) – ISTANBUL, 11 FEB – Otto cittadini iraniani e turchi sono stati arrestati in un’operazione congiunta tra i servizi segreti turchi (Mit) e israeliani (Mossad) per avere tentato di assassinare l’uomo d’affari turco-israeliano Yair Geller a Istanbul. Lo rende noto il portale turco OdaTv e altri media turchi secondo i quali una cellula formata da 9 persone, tra cui iraniani e turchi, stava pianificando di uccidere Geller, proprietario di una azienda che opera nel settore dell’ingegneria aerospaziale, come ritorsione per l’uccisione, attribuita al Mossad, del fisico nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh nel 2020. Secondo la ricostruzione, i servizi turchi avrebbero scoperto il piano e condiviso informazioni con il Mossad che ha agito per portare Geller in un posto sicuro dopo che l’uomo d’affari ha rifiutato di essere trasferito in Israele. Le forze di sicurezza turche hanno quindi arrestato otto persone, mentre il capo della cellula, un funzionario dei servizi di Teheran identificato come Yasin Taheremamkendi, si troverebbe in Iran.
    L’operazione arriva a poche settimane dall’annuncio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di volere normalizzare le relazioni con Israele dopo anni di tensione per difficili rapporti con l’ex premier israeliano Benjamin Netanyahu e per il sostegno di Ankara alla causa palestinese. Il capo di Stato israeliano Isaac Herzog è stato invitato in Turchia da Erdogan e la visita ufficiale è prevista per metà marzo. (ANSA).
   

Fonte © Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati
© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna