torna su
20/11/2019
20/11/2019

ADV

ULTIM'ORA
CARICAMENTO IN CORSO

Radio Colonna

Radio Colonna Via Margutta, 48, 00187 Roma redazione@radiocolonna.it Claudio Sonzogno

Sulla mia pelle, il film su Stefano Cucchi da oggi su Netflix e in sala

Uno straordinario Alessandro Borghi incarna il ragazzo romano scomparso il 22 ottobre del 2009. Le parole del regista Alessio Cremonini e di Jasmine Trinca che interpreta la sorella Ilaria

Avatar
di Chiara Laganà | 2018-09-12 12/09/2018 ore 12:30

Arriva in sala e su Netflix Sulla mia pelle, il film dedicato agli ultimi 7 giorni di vita di Stefano Cucchi. Il ragazzo romano è interpretato da Alessandro Borghi

Arriva in sala e su Netflix Sulla mia pelle, il film di Alessio Cremonini che racconta gli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi. Da oggi Sulla mia pelle è disponibile su Netflix e sarà visibile anche in sala distribuito da Lucky Red.

Sulla mia pelle ha aperto Orizzonti, la sezione parallela di Venezia 75, lo scorso 29 agosto e sin da subito è stato uno dei titoli migliori presentati in quest’edizione della Mostra del Cinema. A colpire è stata soprattutto l’interpretazione di Alessandro Borghi.

L’attore romano per dare volto e voce a Stefano Cucchi ha subito una trasformazione fisica difficilissima. Alessandro Borghi ha perso 18 chili, la perdita di peso ha aiutato l’attore romano a entrare nel ruolo:

“Il dimagrimento mi ha aiutato molto, ti costringe a fare una vita di clausura, non ci sono più cene, aperitivi, pranzi, stai su di te, sei costretto a stare con se stesso e l’ombra di Stefano e la responsabilità di raccontare in un film una ferita aperta ancora del nostro Paese”.

A dirigerlo Alessio Cremonini, autore della sceneggiatura insieme a Lisa Nur Sultan, per lo script del film i due si sono basati interamente sulle 10mila pagine dei verbali. Il regista ha voluto dare risalto agli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi e voleva dare risalto a una storia che fa parte della nostra vita da dieci anni:

“Quello del processo era noto a tutti, volevo dare risalto a questo. Il cinema ci dà l’opportunità di ripensare a certe cose, ci sono delle responsabilità, è un cinema di servizio, serve allo spettatore perché ce n’è bisogno”.

Una storia che ha colpito profondamente l’attore romano e che lascia lo spettatore inerme per tutta la durata del film:

“Molte persone coinvolte nella storia hanno deciso di non prendersi la responsabilità di salvare questo ragazzo. La cosa che mi fa più male in assoluto è che sia morto convinto di essere abbandonato dalla sua famiglia”. 

Qualcosa che ha colpito anche profondamente Jasmine Trinca che nel film interpreta Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano che è diventata il volto della battaglia per ottenere giustizia dell’intera famiglia:

“A me ha colpito questo, la sua battaglia e la sua testimonianza è compensativa della mancanza di una dichiarazione affettiva e d’amore”.

Il regista Cremonini ha visto un parallelo fra Stefano Cucchi e la Sindone:

“Sono credente e le immagini di Stefano mi hanno fatto pensare anche alla Sindone ed è per questo che il film si conclude in questo modo. Questa era la mia visione: un povero cristo che avrà fatto degli errori, ma è stato condannato a un supplizio medievale”.

Sulla mia pelle non mostra le immagini delle percosse subite da Stefano Cucchi:

“Sono garantista e la mia passione ad Alfred Hitchcock mi hanno spinto a non farlo. C’è un processo in corso, il cinema intanto ha raccontato questa cosa… con una porta chiusa”.

Sulla mia pelle è disponibile su Netflix ed è distribuito in sala dal 12 settembre da Lucky Red (a Roma potete vederlo al Quattro Fontane, al Mignon, al Giulio Cesare, all’Eurcine, al Greenwich e al King).

Stampa

A proposito dell'autore

Avatar
748 articoli

Giornalista, Truffaut mi ha fatto innamorare del cinema. Scrivo anche di TV, arte, serie TV, disabilità e musica

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
© 2Media Srls - 2media@pec.it

Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014