A 100 anni dalla marcia su Roma il corteo dell’Anpi a Predappio

"Uno dei momenti più bui della storia e della politica italiana", scrive il gruppo del Pd in Campidoglio. ll segretario dem Letta ha deposto una corona di fiori al monumento che ricorda l'uccisione di Giacomo Matteotti

Al Colosseo lo striscino comparso ieri sera, 27 ottobre 2022

28 ottobre: Pd Campidoglio, in centenario marcia omaggio a Matteotti, Roma è antifascista
Roma, 28 ott 10:46 – (Agenzia Nova) –

Sono passati cento anni dalla marcia su Roma “uno dei momenti più bui della storia e della politica italiana. L’inizio del ventennio che portò violenza, leggi razziali, privazione della libertà. Oggi il ricordo davanti alla lapide di Giacomo Matteotti. Roma è antifascista, sempre”. È quanto si legge in un tweet del gruppo del Partito democratico del Campidoglio.

Ma in vista del centenario tensione e polemiche non mancano. Per le strade di Roma nella notte sono apparsi alcuni manifesti che celebravano la ricorrenza, che dal regime fascista fu assurta a giorno festivo ed evento fondativo, che sono stati subito rimossi grazie all’intervento del Comune.

Ma l’epicentro delle polemiche e delle tensioni sarà probabilmente Predappio, il paese della prima collina romagnola dove Mussolini è nato e dove, nel cimitero del paese, si trovano le sue spoglie. Un paese dove sono frequenti i raduni di camicie nere, come quello che si ripeterà domenica quando è in programma un corteo che si concluderà proprio al cimitero dove parlerà Orsola Mussolini, la pronipote del fondatore del fascismo.

Oggi, però, a Predappio non si ricorderà la marcia su Roma, ma un altro anniversario che la casualità della storia fa cadere nello stesso giorno, ovvero la Liberazione del paese dal nazifascismo, avvenuta 22 anni dopo, il 28 ottobre 1944. Per anni questa ricorrenza non è stata celebrata, ma da qualche anno l’Anpi ha deciso di riappropriarsene.

Stamattina il segretario del Pd Enrico Letta ha disposto una corona di fiori al monumento che ricorda l’uccisione di Giacomo Matteotti: “Oggi l’impegno di tutti in politica è ricordare il momento più buio e rafforzare la democrazia”. L’omicidio Matteotti “un ricordo drammatico. Quel giorno la democrazia fini per mano del fascismo. Il ricordo delle vittime del fascismo e di Matteotti è il monito che 100 anni fa la democrazia fini e iniziò il periodo più buio. Noi vogliamo celebrare la democrazia oggi, domani, sempre”.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna