A Roma più controlli nelle strade: autovelox da via Appia a Colombo e radar anti-alcol e droga

Focus su Trastevere con pattuglie anche in borghese per contrastare risse e spaccio

La movida in zona Trastevere a Roma.

In arrivo più controlli sulle strade di Roma. Durante il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica -presieduto dal prefetto Bruno Frattasi, a cui ha partecipato anche il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, sono state decise nuove misure con pattugliamenti nelle zone calde della movida e autovelox sulle maggiori direttrici, compresa via Cristoforo Colombo dove è stato travolto e ucciso Francesco Valdiserri. Tra le novità, in dotazione alla polizia municipale ci saranno i precursori, dei piccoli ‘radar’ capaci di riconoscere se chi è alla guida di un’auto è sotto effetto di droga o alcol.

Gli autovelox arriveranno sulle arterie più pericolose, sul Lungotevere (gestiti dalla Polizia locale) e su tre arterie a rischio come Corso di Francia, via Appia Nuova, e via Cristoforo Colombo (questi controlli saranno a cura dell’Arma dei Carabinieri). Saranno rafforzati i dispostivi di pattugliamento sia in divisa che in borghese nelle aree più calde della movida. Le azioni mireranno a scoraggiare l’uso dell’auto in stato di ebrezza o sotto l’effetto di stupefacenti e di prevenzione dell’alta velocità.

Focus su Trastevere con pattuglie anche in borghese per contrastare risse e spaccio, ma l’obiettivo sarà anche impedire la vendita fuorilegge di alcol a minorenni, fenomeno, quest’ultimo, su cui il Questore è pronto ad emettere ordinanze di chiusura immediata degli esercizi commerciali. L’Arma dei Carabinieri utilizzerà anche le due ruote per il pattugliamento dei vicoli del centro storico e di Trastevere, mentre i reparti specializzati dei Carabinieri dei Nas e del Noe interverranno per il controllo degli esercenti. La Guardia di finanza verificherà le irregolarità amministrative degli esercizi commerciali e il contrasto forte all’abusivismo. Già da venerdì, sulle strade della Capitale arriveranno decine di pattuglie in più che impiegheranno fino a 130 agenti.

Questo ambito di pattugliamento sarà affidato alla Polizia locale di Roma Capitale che utilizzerà i test cosiddetti “precursori”: si tratta di un dispositivo capace di percepire se chi è alla guida ha esagerato con l’alcol o utilizzato droghe. In caso di test positivo al primo screening si effettua il controllo più efficace con etilometri e narcotest da effettuare sul posto. La sperimentazione sarà capillare in tutta la città, con maggiore incidenza a ridosso di quartieri legati alla movida notturna. Infine, l’attenzione del Comitato è stata rivolta al tema dei fenomeni dell’estorsione e dell’usura, anche in considerazione del particolare contesto economico attuale. Il prefetto di Roma ha quindi convocato per il giorno 22 novembre, alle ore 16 l’Osservatorio provinciale antiusura al quale prenderà parte anche il commissario straordinario del governo antiracket e antiusura, prefetto Maria Grazia Niccolò.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna