Afghanistan: arrivati a Fiumicino oltre 200 evacuati da Kabul

Con ponte aereo Difesa tra Kabul, Kuwait City e Roma

Oltre 200 afghani tra ex collaboratori di aziende e istituzioni italiane e loro familiari, sono arrivati a Fiumicino a bordo di un aereo militare evacuati da Kabul col ponte aereo organizzato dalla Difesa.

Il ponte aereo rientra nell’operazione ‘Aquila Omnia’, pianificata e diretta dal COVI (Comando Operativo di Vertice Interforze), comandato dal Generale Luciano Portolano.

Sette aerei, 3 KC-767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e 4 C-130J, questi ultimi dislocati in Kuwait, da cui parte il ponte aereo per Kabul.

Le persone arrivate sono esattamente 211, evacuate da Kabul la scorsa notte con due C 130J.

Nella nottata un altro C130J e’ decollato da Kabul con a bordo 103 per rientrare in Kuwait. Altri 3 C130J – rende noto il ministero della difesa – nella giornata di oggi voleranno verso Kabul per evacuare altri cittadini afghani. Dal giugno scorso, quando con l’operazione Aquila 1 furono portati nel nostro Paese 228 afghani, sono circa 2100 i cittadini afghani tratti in salvo e circa 1300 quelli trasferiti in Italia. Sono oltre 1500 i militari italiani del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) impegnati su disposizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini in questa complessa operazione per il ponte aereo Roma-Kabul.

Personale del Joint Force HQ (JFHQ), del Comando Operazioni Forze Speciali (COFS), della Joint Evacuation Task Force (JETF), della Joint Special Operation Task Force (JSOTF), del Comando Operazioni Aerospaziali AM (COA), della 46^ Brigata Aerea, del 14 Stormo dell’Aeronautica Militare, della Task Force Air di Al Salem (Kuwait), oltre a tutti i militari delle Forze Armate e dei Carabinieri preposti alla accoglienza e gestione al loro arrivo in Italia.

© 2Media Srls - 2media@pec.it
Il Sito è iscritto nel Registro della Stampa del Tribunale di Roma n.10/2014 del 13/02/2014
Radio Colonna